Barriere Rfi, guerra bipartisan. Il progetto bocciato in Consiglio: «Servono scelte alternative»

Un rendering delle barriere fono-assorbenti
Un rendering delle barriere fono-assorbenti
di Serena Murri
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Aprile 2021, 08:10

PORTO SAN GIORGIO - No alle barriere fonoassorbenti da installare a ridosso della rete ferroviaria: sono approdate in Consiglio con la mozione proposta dalla Lega contro l’installazione lungo la linea ferroviaria adriatica. 

L’iniziativa ha trovato il favore anche da parte delle altre fazioni politiche, d’accordo sulla scelleratezza dell’intervento e sull’impatto negativo che potrebbe avere su più aspetti della vita cittadina.


Il dibattito

Una mozione per tenere viva l’attenzione su un tema da tutti ritenuto «inutile». La barriera vera e propria che verrebbe a crearsi attorno alla rete ferroviaria deturperebbe e avrebbe un forte impatto e conseguenze negative per tutti, sull’ambiente e sul contesto urbano, con la violazione in molti casi dell’irradiamento solare. Pertanto, come suggerito dalla Lega, sarebbe auspicabile individuare, soluzioni alternative. «Il no alle barriere non vuole dire un sì al rumore -ha tenuto a sottolineare il consigliere Marco Marinangeli -: l’abbattimento del rumore va fatto ma occorre andare a modificare la legge», questa l’unica strada possibile da percorrere. In merito, durante le scorse settimane, si era già espresso anche il Pd, intervenuto sull’inadeguatezza di tale misura per tutto il territorio di riferimento. 

Myss Keta, svelato il vero volto della cantante mascherata: la sua faccia fotografata per la prima volta

Truffa al telefono: il finto tecnico Sisal fa scomparire quasi 30mila euro. Il terribile risveglio della tabaccaia

Anche il segretario del Pd Michele Amurri aveva infatti di recente sollevato la rilevanza dell’aspetto ambientale. «Non è secondario il problema microclimatico - aveva ricordato - che le barriere porterebbero, in quanto verrebbe ostacolata la circolazione delle brezze con conseguente surriscaldamento del lato ad ovest della ferrovia. Pertanto occorre trovare eventuali soluzioni tecnologiche alternative, sia per il materiale rotabile che per i recettori periferici, in modo da tutelare gli abitanti da rumori eccessivi e parallelamente salvaguardare la bellezza del paesaggio che è peculiare della nostra cittadina».

L’obiettivo
«L’attività svolta dall’amministrazione - ha ribadito con l’occasione il sindaco Nicola Loira- relativamente al tema oggetto della mozione è stata chiarissima, compresa la partecipazione all’incontro che si era svolto a Falconara circa un anno fa, sede nella quale si era ribadita l’assoluta contrarietà da parte di tutti i sindaci presenti come già manifestato. Io stesso, andai a Roma per prendere visione del progetto delle Ferrovie che è pronto, un progetto da 15 milioni che potrebbe essere cantierabile da domani. Tra le altre cose volevo vedere se per caso fossero cambiati i materiali di realizzazione delle stesse barriere, cosa che non è avvenuta. Il discorso non si pone, possono esserci conseguenze solo negative sull’immagine della città che si estende per chilometri, considerando che le barriere sono proporzionali agli edifici che devono coprire. In sintesi, la posizione da parte dell’amministrazione è inequivocabile e lo sarà fino alla fine del mio mandato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA