Traffico in aumento e barriere antirumore, scatta il pressing per l'arretramento dei binari

Traffico in aumento e barriere antirumore, scatta il pressing per l'abbattimento dei binari
Traffico in aumento e barriere antirumore, scatta il pressing per l'abbattimento dei binari
di Sonia Amaolo
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 12:07

PORTO SANT’ELPIDIO -  Barriere antirumore, il sindaco è per l’arretramento della ferrovia. L’argomento continua a far discutere un territorio che si troverebbe spaccato in due da infrastrutture che la Rete ferroviaria vorrebbe ergere al margine dei binari. Anche nell’ultimo Consiglio, l’altra sera, è spuntato l’argomento, con Nazareno Franchellucci che ne ha parlato prima di affrontare i punti che erano all’ordine del giorno.


Il sindaco ha parlato dell’interesse comune nella costa che copre le province di Fermo e Ascoli, evidenziando l’attività che sta portando avanti Trenitalia e che andrà a modificare il paesaggio costiero. Il potenziamento della rete ferroviaria, nella prospettiva del carico merci e alta velocità. Un cambiamento epocale nei trasporti che va affrontato nella giusta maniera. «Già qualche settimana prima che la Regione convocasse l’incontro tecnico, cui ha partecipato l’assessore Marco Traini – dice Franchellucci – c’erano stati incontri e altri ce ne saranno nei prossimi 15 giorni. Noi sindaci facciamo fronte comune su una questione che riguarda anche Porto Sant’Elpidio. L’arretramento dell’autostrada ci riguarda in maniera marginale, avendo noi già la terza corsia, ma ci riguarda il tracciato della rete ferroviaria».


Per il primo cittadino di Porto Sant’Elpidio «su questo fronte procede il dialogo dei comuni con il Ministero e le Ferrovie, oltre che con la Regione, che sta tenendo il pallino nel rapporto con Rfi. L’obiettivo è far arrivare alla Società le richieste del territorio del centrosud. Le nostre volontà». L’arretramento sarebbe esclusivamente per la rete dell’alta velocità e il traffico merci. «Non penso certo a uno smantellamento della rete attuale, sarebbe dannoso - dice ancora il sindaco -: penso invece al potenziamento della rete, a una metropolitana di superficie per sviluppare un traffico realmente sostenibile, dal punto di vista ambientale». Così Porto Sant’Elpidio si aggiunge alla lista dei Comuni che hanno chiesto alle Ferrovie di sviluppare altri progetti, prima di costruire la muraglia che alimenta le proteste e fatto spuntare una miriade di comitati contro le barriere. «Vorremmo essere coinvolti in un percorso di questo tipo – dice Franchellucci –: si è creato un protocollo, i Comuni si sono messi in rete, c’è un sodalizio per porre l’attenzione sulla nostra zona e per strutturare un percorso con una direzione unica».


Franchellucci ricorda che «sono linee di indirizzo, non studi di fattibilità perché con progettualità di questo tipo occorre relazionarsi inevitabilmente con l’entroterra, tutta la parte collinare va coinvolta, ma credo sia l’occasione giusta questa, leggendo l’evoluzione della battaglia che, unanimemente, stiamo portando avanti. Una battaglia giusta»

© RIPRODUZIONE RISERVATA