Residenze facili, Anagrafe nel mirino: dopo 11 anni assoluzione per gli impiegati e il vigile urbano

Residenze facili, Anagrafe nel mirino: dopo 11 anni assoluzione per gli impiegati e il vigile urbano
di Francesca Pasquali
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 09:15

FERMO - Ci sono voluti undici anni (sette dal rinvio al giudizio) perché l’allora agente della polizia municipale di Fermo, Piergiovanni Farni, e i dipendenti dell’Ufficio anagrafe del Comune, Sandra Lupacchini e Nicola Mecozzi, fossero riconosciuti innocenti. I fatti risalgono al 2010. Le indagini dell’inchiesta “Residenze facili” erano scattate dopo l’esposto presentato da un altro ex dipendente del Comune, che aveva denunciato presunte irregolarità sui procedimenti di accertamento delle residenze per l’iscrizione all’Anagrafe.

 
Il pubblico ufficiale

Gli accertamenti avevano riguardato anche residenze concesse a persone provenienti da altri Comuni. A Farni era stato contestato di aver falsamente attestato, in qualità di agente accertatore e, quindi, di pubblico ufficiale, la veridicità di una dichiarazione di residenza presentata da una donna, inducendo, così, in errore l’ufficiale di anagrafe Lupacchini. A Mecozzi il rifiuto di atti del proprio ufficio, con riferimento ad altre pratiche. Il tribunale di Fermo ha assolto i tre imputati con «la formula più ampia», ritenendo il fatto insussistente. A difendere Farni, nel frattempo in pensione, l’avvocato Marco Tomassini che sottolinea come il suo assistito abbia «sempre rivendicato la correttezza del suo operato» e desiderasse «dimostrare la sua totale estraneità ai fatti» perché «ha vissuto come un’onta l’accusa dopo anni di specchiato servizio come agente municipale di quartiere, conosciuto da tutti. Trascorsi sette anni dal rinvio a giudizio ha finalmente visto chiarita la propria posizione». Soddisfatta per le assoluzioni dei suoi assistiti anche l’avvocata Francesca Palma. «L’assoluzione perché il fatto non sussiste per Sandra Lupacchini e per non aver commesso il fatto per Nicola Mecozzi – spiega – costituisce il giusto riconoscimento di quanto i miei assistiti avevano dimostrato documentalmente sin dal loro primo atto difensivo».


L’iter
«Resta il rammarico di un iter giudiziario troppo lungo, dovuto solo alle carenze nell’organico dei magistrati del tribunale di Fermo, da sempre denunciate da noi avvocati», aggiunge la legale, ricordando «le tante richieste del Consiglio dell’Ordine al Csm per sollecitare la nomina di magistrati nei posti scoperti a seguito di trasferimenti, rimaste inascoltate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA