Truffe all'Ufficio Anagrafe del Comune, un dipendente nei guai. Sequestrati 45mila euro

Il comandante della polizia locale Danilo Doria
Il comandante della polizia locale Danilo Doria
2 Minuti di Lettura
Sabato 11 Settembre 2021, 11:37 - Ultimo aggiornamento: 12 Settembre, 09:11

MACERATA - Nella giornata di ieri la Polizia locale, su disposizione della Procura della Repubblica di Macerata, ha effettuato una perquisizione con conseguente sequestro di vari materiali presso l'Ufficio Anagrafe del Comune di Macerata a seguito di una complessa e articolata attività di indagine.

LEGGI ANCHE

Tragico schianto nella notte. Con l'auto contro un guardrail e un palo, muore a 22 anni

LEGGI ANCHE

Ciclista investito sulla litoranea, trasportato in eliambulanza all'ospedale. E' in codice rosso

Ad aprile, a seguito di un post su un social network, è iniziata una indagine interna presso il Comune coordinata dal comandante Danilo Doria. Nel post social infatti era stata segnalata da alcuni utenti una presunta truffa all'interno dell'Ufficio in questione. La Polizia locale, dopo aver contattato gli utenti che avevano segnalato il fatto, ha avuto la concretezza delle varie denunce e ha avviato le indagini sotto il coordinamento del sostituto procuratore Enrico Riccioni.

Ciò ha permesso di verificare e accertare una serie di truffe che venivano compiute, secondo l'accusa, da un dipendente comunale ai danni dei cittadini. Ieri mattina la Polizia locale, coordinata dalla Procura, ha proceduto alla notifica degli atti e alle attività di sequestro e perquisizione di tutti gli elementi utili presenti all'interno dell'Ufficio Anagrafe. Gli inquirenti hanno anche effettuato il sequestro preventivo della somma di 45.000 euro quale presunto profitto del reato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA