Bomba carta in consiglio comunale
E' caccia all'uomo incappucciato

Giovedì 21 Gennaio 2016
Il sindaco Mangialardi con gli agenti poco dopo l'esplosione della bomba carta

SENIGALLIA - Indagini in corso per danneggiamento e minacce ad un corpo politico, condotte dalla polizia che ha concentrato l'attenzione su un ex consigliere comunale. E' lui il principale sospettato per il lancio del grosso petardo che martedì sera è esploso in municipio.
 



A riconoscere nell'uomo, ripreso dai filmati delle telecamere, sarebbero stati proprio alcuni amministratori comunali nel vedere i baffi e la fisionomia del volto, parzialmente coperto. L'uomo è stato ripreso mentre saliva sulla scalinata del Comune. Il cappuccio del giaccone tirato su, che parzialmente gli copriva gli occhi mentre il naso, la bocca e il resto del volto erano visibili. La qualità delle immagini non permette di accertare se i baffi siano bianchi o biondi, comunque molto chiari, e dai segni sul viso si intuisce che si tratta di una persona matura. Alcuni amministratori non hanno dubbi e gli scontri in passato, proprio in tema di varianti urbanistiche, potrebbero rappresentare il filo conduttore con la serata di martedì. Al momento è solo un sospetto che va però suffragato da prove concrete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA