Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

C'è chi esagera durante la festa azzurra: bomba carta lanciata in mezzo alla gente

C'è chi esagera durante la festa azzurra: bomba carta lanciata in mezzo alla gente
C'è chi esagera durante la festa azzurra: bomba carta lanciata in mezzo alla gente
di Luigi Miozzi
3 Minuti di Lettura
Martedì 13 Luglio 2021, 09:38

ASCOLI - Quando Gigio Donnarumma ha parato il rigore decisivo all’inglese Saka, è esplosa la festa. Anche per le vie di Ascoli la gioia è stata incontenibile per gli azzurri tornati ad alzare dopo 53 anni la coppa di campioni d’Europa. Cori da stadio in piazza del Popolo dove in tanti avevano deciso di vedere la partita in uno dei numerosi locali che avevano sistemato schermi e televisori all’aperto.

Gli amici raccontano il Mancini privato: «Se vinceva voleva andare in bici fino a Santiago de Compostela. Il chiodo fisso prima degli Europei»

Un tripudio tricolore a cui hanno partecipato giovani e meno giovani. In tutti era tangibile la voglia di fare festa non solo per essere tornati sul tetto del calcio continentale, ma anche per gettarsi alle spalle i mesi difficili della pandemia. 

Un segnale importante anche se non sono mancati alcuni episodi spiacevoli. Brutta sorpresa per il consigliere regionale della Lega, Andrea Antonini che ieri mattina al risveglio ha trovato la propria auto danneggiata. Qualcuno, ha pensato bene di lanciare una fiaccola o un petardo sul parabrezza della vettura. «È stata una bella sorpresa, anche perché ci si può divertire in maniera un po’ più civile - commenta sarcasticamente Antonini. - Immagino c’era una voglia repressa di esprimersi in qualche modo dopo tutti questi mesi difficili di lockdown; credo sia stato un eccesso di voglia festeggiare, spero vivamente che non ci sia un dolo poiché non avrebbe avuto senso. Spero che sia stato il frutto di un gesto di qualcuno che non si è reso conto di cosa potesse accadere perché non ha senso festeggiare danneggiando le auto e le proprietà altrui». Lo stesso eccesso manifestato da chi, con piazza del Popolo gremita di gente, tra cui anche tanti bambini attratti dai suoni, dai colori e dalle bandiere, ha pensato bene di far esplodere una bomba carta o un petardo a poca distanza dalle persone, impaurendo anche i più piccoli. Al di là di questi episodi isolati, il tutto si è svolto all’insegna della gioia e del divertimento sebbene è stato impossibile contenere ed evitare gli ammassamenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA