Pesaro, la cena tra compagni di scuola e la festa di battesimo riaccendono l'allarme Coronavirus: sette positivi e tamponi per 120 persone

Lunedì 27 Luglio 2020 di Letizia Francesconi
Pesaro, la cena tra compagni di scuola e la festa di battesimo riaccendono l'allarme Coronavirus: sette positivi e tamponi per 120 persone

PESARO - Alla fine di febbraio la pandemia si affacciò nelle Marche e a Pesaro, partendo da San Clemente e da un ristoratore che clienti del Nord avevano contagiato. Il ritorno del Covid nella nostra provincia, come in un triste rimando, riparte ancora dalla Valconca, cioè dal confine fra le due regioni.

LEGGI ANCHE:
Movida molesta: ubriaco chiede una sigaretta ai poliziotti e rimedia una multa. Tre locali a rischio cartellino rosso

Bancarotta e riciclaggio: dodici arrestati. Volevano anche chiedere i contributi per il Coronavirus. Più di 140 indagati

È previsto per domani, il drive test per eseguire tamponi a tappetto a familiari e conoscenti, che hanno partecipato alla cena di ex compagni di scuola a Montecopiolo e gli invitati provenienti da Macerata Feltria per una festa di battesimo, in due serate distinte e in due locali diversi. A questi si aggiunge il personale di sala dei due locali, già tutti contattati dal Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 1. 
 
E’ stata attivata da subito la procedura preventiva e precauzionale, spiegano il direttore territoriale del Dipartimento Eugenio Carlotti e la coordinatrice del Distretto di Pesaro, Elisabetta Esposto. Primo screening su 120 soggetti legati ai due focolai, anche se le maggiori preoccupazioni riguardano la cena dei settanta 42enni e dunque il Comune di Montecopiolo. Per questo con validità immediata, il sindaco del Comune della Valconca, ha emesso un’ordinanza per l’applicazione di misure urgenti di contrasto e contenimento dei focolai. I gestori delle due attività di Villagrande di Montecopiolo hanno scelto autonomamente dopo il sopralluogo dell’Asur di disporre la chiusura dei locali fino al primo agosto, termine del periodo di quarantena. 
I test
Per il “Drive test” a Macerata Feltria è previsto un percorso straordinario, per cui è già stata allertata la Protezione civile e sono state individuate le fasce orarie entro le quali i soggetti da monitorare, dovranno presentarsi. La scelta di un’area esterna di Macerata Feltria permetterà ai medici del Dipartimento di evitare lo spostamento dei pazienti-utenti verso i presidi ospedalieri di riferimento, Urbino e Fano contenendo il rischio di un eventuale contagio. 
Esiti e dubbi
Sono già stati effettuati nelle ultime 48 ore una trentina di tamponi fra i partecipanti alle due cene, dei quali 14 hanno dato esito dubbio e solo questa mattina si conoscerà l’esito del secondo esame. Al momento 6 i positivi tra i 42enni di Montecopiolo e uno tra i 30 partecipanti alla cerimonia di battesimo, la mamma del bambino battezzato, per il focolaio di Macerata Feltria. L’Area vasta 1 ha attivato il servizio di Prevenzione dell’Asur Emilia Romagna per il monitoraggio di un tavolo di clienti romagnoli non residente nel nostro territorio provinciale
L’ordinanza
Pietro Rossi, sindaco di Montecopiolo dispone con un’ordinanza valida dal 25 luglio fino al prossimo 8 agosto l’obbligo dell’uso della mascherina. La chiusura delle strutture e aree aperte pubbliche e private, per evitare il rischio assembramenti nel caso in cui il gestore non riesca a garantire la distanza di un metro. L’obbligo per i gestori di attività di pubblico esercizio di vigilare sui clienti all’interno dei propri locali per evitare il formarsi di gruppi e comitive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA