Mercato del martedì, gli ambulanti protestano: «Con gli eventi in piazza bancarelle spaccate in due»

Mercato del martedì, gli ambulanti protestano: «Con gli eventi in piazza bancarelle spaccate in due»
di Sonia Amaolo
2 Minuti di Lettura
Domenica 11 Luglio 2021, 09:00

PORTO SANT’ELPIDIO Il palco per gli eventi spacca il mercato settimanale del martedì in centro. E proprio per martedì prossimo è fissato l’incontro dell’assessore al Commercio Emanuela Ferracuti con le categorie Confcommercio e Confesercenti per capire come risolvere la problematica che si presenta in piena estate.

 

Nella sostanza si vengono a riproporre tutte le criticità, sul piano logistico, che si erano presentate la scorsa estate. Tutto a causa del Covid e delle regole del distanziamento per gli eventi all’aperto, le misure anti-contagio, le restrizioni che hanno modificato l’organizzazione degli eventi. Già l’anno scorso per gli ambulanti era stato pianificato un piano che prevedeva due postazioni ciascuno. Una di base e un’altra in occasione degli eventi. Stavolta il problema è più sentito rispetto all’estate scorsa perché l’impalcatura in piazza Garibaldi, messa su per gli eventi che vi si svolgono, costringe le bancarelle a posizionarsi in maniera diversa per un periodo di tempo prolungato.
Le conseguenze
A detta degli interessati ne perde il mercato settimanale. Giampaolo Petrini, referente della categoria in Confesercenti, dice che anche l’anno scorso erano stati tolti i posti per mettere l’impalcatura e, quando c’erano stati gli eventi, le bancarelle andavano da un’altra parte. «Solo che l’anno scorso è successo 5-6 volte di doverci spostare, adesso capita fino a fine agosto, praticamente per due mesi pieni non possiamo fruire della piazza e così il mercato si spacca, non va bene. Ne ho parlato con l’assessore e martedì dobbiamo verificare». Anche la referente della Confcommercio Maria Teresa Scriboni ieri cercava l’assessore Ferracuti per affrontare l’argomento. Sono 90 le bancarelle al mercato del martedì in centro: si cerca una soluzione che metta d’accordo tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA