Fermo, uomo accoltellato nel regolamento di conti: i latitanti scappano sul tetto, ma non basta

Giovedì 20 Febbraio 2020
Fermo, uomo accoltellato nel regolamento di conti: i latitanti scappano sul tetto, ma non basta

FERMO - Arrestati dalla questura di Fermo anche gli ultimi due latitanti ritenuti responsabili di aver accoltellato un uomo, lo scorso 31 gennaio, in un casolare a Torre di Palme. In quell'ocassione un giovane maghrebino rischiò di morire dissanguato e fini all'ospedale in prognosi riservata.

LEGGI ANCHE
Pesaro, precipita dal tetto di casa: muore sul colpo un uomo di 75 anni

La compagna lo lascia, ultrasessantenne la perseguita: appostamenti, molestie e danneggiamenti


Uno dei tre assalitori era stato fermato subito, dopo un rocambolesco inseguimento tra Grottammare e San Benedetto durante il quale erano stati anche esplosi alcuni colpi di arma da fuoco. Gli altri due erano riusciti a fuggire scavalcando la massicciata ferroviaria. Ma ora le tenaglie della giustizia si sono chiuse anche su di loro. E' di questa mattina, infatti, l'operazione dei poliziotti della Questura di Fermo che, verso le 7, hanno fatto irruzione in un appartamento. I due latitanti, fratelli tunisini di 30 e 44 anni, hanno cercato di scappare sul tetto, ma il loro tentativo è stato vano. Denunciati per favoreggiamento un italiano pregiudicato, proprietario della'appartamento, ed una donna romena, anch'essa pregiudicata, fidanzata di uno dei due e presente in casa al momento del blitz. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA