Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lavori per il nuovo acquedotto, la ditta scarica calcinacci nel bosco: scatta la denuncia

Sassoferrato, lavori per il nuovo acquedotto, la ditta scarica calcinacci nel bosco: scatta la denuncia
Sassoferrato, lavori per il nuovo acquedotto, la ditta scarica calcinacci nel bosco: scatta la denuncia
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Marzo 2020, 17:01

SASSOFERRATO – Realizzano lavori per il nuovo acquedotto a Colcanino, piccola frazione di Sassoferrato, e al posto di conferirli in un apposito centro di analisi e smaltimento, scaricano 50 metri cubi di roccia mischiata ad asfalto nella natura.

LEGGI ANCHE:
Via vai di perturbazioni, arrivano altre piogge, temporali e neve anche in collina. Ecco dove e quando

Coronavirus, nelle Marche 3 morti e salgono a 84 i positivi, 14 pazienti in terapia intensiva. Sono 501 le persone in isolamento domiciliare


Operai di una ditta del pesarese, che partecipa ai lavori commissionati da Viva Servizi Spa per modernizzare le condutture d'acqua delle frazioni vicino a Monterosso Stazione, hanno scaricato una parte dell'asfalto e del materiale roccioso rimosso dagli scavi a meno di un chilometro e mezzo dal luogo dove avevano lavorato. A segnalare la discarica sono stati alcuni residenti incuriositi dal via vai dei camion che, fotografie alla mano, hanno chiesto spiegazioni all'ufficio tecnico comunale e fatto scattare immediatamente un controllo da parte dei militari della Stazione Carabinieri Forestale sentinate. Denunciato il titolare della ditta di movimento terra con sede a Piobbico. Dovrà rispondere del reato di gestione illecita di rifiuti e farsi carico della bonifica. Rischia fino a due anni di arresto e, qualora i rifiuti risultassero classificati come “pericolosi” dopo le analisi, potrebbe pagare un'ammenda fino a 26mila euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA