Andrea Giacometti: «Far circolare troppo il virus è rischioso per i soggetti fragili»

Andrea Giacometti, primario clinica malattie infettive Torrette
Andrea Giacometti, primario clinica malattie infettive Torrette
di Andrea Maccarone
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 02:15 - Ultimo aggiornamento: 08:07

Stop mascherina obbligatoria o no? Cinque domande e le cinque risposte di Stefano Menzo

Mascherine, scade l’obbligo anche al chiuso. Ma restano raccomandate. Le eccezioni. Cinque domande a quattro medici, ecco cosa dicono

ANDREA GIACOMETTI
Primario Clinica Malattie infettive di Torrette

 

1 «Credo che negli ambienti chiusi, o se c’è assembramento, sia prudente ancora indossarle. Omicron 2 ha raggiunto il 100% di diffusione in Italia. È estremamente contagiosa. I casi gravi sono piuttosto rari, però se un virus si diffonde molto attecchisce anche in chi è fragile. Abbiamo 24 posti letto Covid nel mio reparto, quasi tutti soggetti con 3 dosi e patologie pregresse».
2 «Nelle sale d’aspetto sanitari e va portata. Anche al cinema andrebbe sempre indossata. Ci vuole buon senso: andrebbe indossata il più possibile».
3 «Non avrebbe lo stesso effetto perché tutti anelano a togliere mascherina. Meglio sempre tenerla quando si è al chiuso e in presenza di altri, se non altro per rallentare la diffusone di Omicron. Il reparto malattie infettive è già pieno di pazienti con altre patologie. Se ne arrivassero altri non sapremmo dove metterli. Rallentiamo la diffusione, perché se arriva l’ondata i reparti andrebbero in difficoltà».
4«Sì, è accettabile se la indossiamo veramente. La mascherina chirurgica ferma totalmente le emissioni delle goccioline di saliva, è molto efficace nella protezione degli altri, mentre è meno protettiva per chi la indossa
5«D’accordo sul fatto che è talmente contagioso che è difficile ragionare con questo virus. Ma come si proteggono i più fragili? Indossando le mascherine rallentiamo la diffusione del virus. Ci sarà una nuova ondata, ma meno impattante. Abbiamo il vaccino e le mascherine per proteggerci e per prevenire. Sostenere che sia meglio far circolare subito Omicron, vista l’alta capacità di diffusione e i moderati effetti patogeni, può avere senso, ma non dimentichiamo che ci sono sempre dei soggetti fragili che non sopporterebbero bene l’infezione».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA