​«Un grande marito e padre». Lacrime e commozione a San Severino Marche al funerale di Alika ​Ogorchukwu

La folla presente al funerale di Alika Ogorchukwu
La folla presente al funerale di Alika Ogorchukwu
di Monia Orazi
3 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 17:00 - Ultimo aggiornamento: 18:17

SAN SEVERINO MARCHE- «Abbiamo il dolore nel cuore ci manca molto, Alika era un grande marito e padre, era un uomo timorato di Dio era un buon uomo». Con queste parole lette da un amico, la moglie Charity insieme al figlioletto Emmanuel, ha ricordato il marito Alika Ogorchukwu, di cui oggi pomeriggio a due mesi dalla morte sono stati celebrati i funerali, nel chiostro di San Domenico a San Severino Marche con tanti ricordi e canzoni, secondo il rito pentecostale: «Ci mancherà sempre, la morte dolorosa di Alika è qualcosa che la famiglia ricorderà sempre come qualcosa che lo ha strappato via da noi. Era un uomo con un futuro davanti a lui. Ti ricorderemo sempre possa la tua anima riposare in pace». 

Presenti i familiari della vittima

Presenti poco meno di duecento persone, cinque fratelli di Alika e due di Charity giunti dalla Nigeria che hanno chiesto giustizia per Alika, tanti rappresentanti della comunità nigeriana in Italia, i rappresentanti della comunità di Sant'Egidio, il vicesindaco di San Severino Vanna Bianconi, un consigliere di minoranza, uno dei compagni di classe del piccolo Emmanuel, nessuno del Comune di Civitanova, ma alcuni esponenti del comitato 29 luglio nato nella città costiera per aiutare la famiglia. Il presidente della Regione Francesco Acquaroli ha salutato la moglie prima del rito funebre, poi se ne è andato. Presenti anche l'onorevole Irene Manzi e Angelo Sciapichetti. La salma, per volere del figlio di Alika è stata sepolta a San Severino Marche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA