Lei fa l'autostop, lui rapina chi si ferma: Bonnie e Clyde incastrati dalle telecamere

Martedì 7 Gennaio 2020
Porto San Giorgio, lei fa l'autostop, lui rapina chi si ferma: Bonnie e Clyde incastrati dalle telecamere

PORTO SAN GIORGIO - Una giovane donna, lungo la Statale Adriatica con il pollice all’insù. Si mostrava sola e chiedeva, con scuse diverse, un passaggio in auto. Sembrava, semplicemente, una ragazza in difficoltà, rimasta a piedi. Invece, con l’aiuto di un complice, la donna, una 33enne italiana, residente in zona, rapinava il malcapitato di turno che aveva offerto aiuto. All’inizio sembrava tutto normale, raccontano i guidatori, la donna, salita in auto, chiacchierava e rideva con loro con tranquillità. Poi, a un certo punto, chiedeva di essere lasciata in una zona specifica, meno frequentata. Lì ad attenderla, con un coltello in mano, il complice, un 37enne tunisino regolarmente residente in Italia. 

LEGGI ANCHE:
Elisa e Sonia, legate dall'amicizia e dalla passione per il ballo, uccise dopo la disco dall'auto guidata da un papà ubriaco. Dolore e ricordi

Osimo, la macchina è senza revisione. L'anziano automobilista ai vigili: «La uso per ricordare mio figlio morto»

In pochi secondi l’uomo aggrediva il guidatore, minacciandolo con il coltello e facendosi consegnare soldi e telefono, per poi darsi alla fuga, insieme alla complice, a bordo della propria auto. Almeno due gli episodi segnalati alle forze dell’ordine, entrambi avvenuti nel tardo pomeriggio lungo la Statale Adriatica a Porto San Giorgio. I due, entrambi pregiudicati, sono stati individuati grazie al sistema di videosorveglianza del comune sangiorgese e poi identificati dagli automobilisti rapinati mediante le foto segnaletiche. Per loro è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Fermo per rapina aggravata in concorso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA