Scovato un arsenale nell'auto, denunciati quattro baby banditi: allarme per l'età, tre sono minorenni

Mercoledì 20 Ottobre 2021 di Pierpaolo Pierleoni
Scovato un arsenale nell'auto, denunciati quattro baby banditi: allarme per l'età, tre sono minorenni

MONTE URANO - Giovani, giovanissimi. Segni particolari, violenti e con un piccolo arsenale in auto. Sono i 4 ragazzi fermati lunedì pomeriggio dai carabinieri a Monte Urano. Lo stop da parte dei militari della stazione di Sant’Elpidio a Mare, che ha intercettato un’utilitaria con a bordo 4 giovani, tutti minorenni tranne il conducente dell’auto.

 


Giravano per le vie della cittadina calzaturiera con un atteggiamento ritenuto sospetto dai militari. Una volta fermati, il loro nervosismo ha convinto i carabinieri ad approfondire le ricerche, tanto da richiedere l’intervento dei colleghi monturanesi, del Radiomobile di Fermo e dalla caserma di Porto Sant’Elpidio. Dalla perquisizione della vettura è uscito di tutto. C’erano infatti una pistola a gas, priva del tappo rosso, con un caricatore in metallo contenente 25 pallini di plastica; una mazza da baseball metallica, lunga oltre 60 centimetri; un coltello a serramanico di 17 centimetri, una cesoia tagliasiepi, un anello tirapugni in metallo, trovato al maggiorenne che guidava l’auto.

E ancora, una confezione di cellophane con 3 grammi di hashish, 3 capsule in metallo di CO2 per la ricarica della pistola a gas. A completare il quadro, nell’auto c’erano anche un passamontagna nero e due paglia di guanti, anch’essi neri. Materiali che spesso si coniugano ai furti, come anche le cesoie sovente utilizzare per recidere cavi e recinzioni. La perquisizione è proseguita in casa di ciascuno dei 4 giovani e sono state trovate altre due capsule per la pistola a gas. I 4 ragazzi, tutti italiani residenti nel Fermano, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Fermo ed a quella dei minori di Ancona. Sono accusati di detenzione abusiva di strumenti atti ad offendere in concorso. Il maggiorenne dovrà rispondere anche di porto abusivo di armi.

Infine, per tutti è scattata anche una segnalazione in Prefettura come consumatori di stupefacenti. Ma che ci facevano i 4 giovanissimi con quell’attrezzatura? Cosa avevano in mente? Stavano per colpire in qualche negozio o abitazione e sono stati fermati appena in tempo? Interrogativi ai quali i carabinieri stanno cercando di dare una risposta dopo la scoperta di tutto l’armamentario.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA