Calvario senza fine sull'autostrada A14: il weekend si chiude con una coda lunga 5 chilometri

Lunedì 5 Luglio 2021 di Chiara Morini
Calvario senza fine sull'autostrada A14: il weekend si chiude con una coda lunga 5 chilometri

FERMO - Nuova giornata di passione in autostrada, ieri, nel tratto tra San Benedetto del Tronto e Pedaso, in direzione Ancona, con le code che intorno all’ora di pranzo hanno toccato anche cinque chilometri meno problematico, invece, transitare verso sud: da Pedaso a Grottammare c’è stato il solito costante chilometro di fila. Oggi però si conta un giorno in meno di disagi, dal momento che i lavori, in entrambe le direzioni, cesseranno venerdì come da comunicazione e conferma della società Autostrade. 

Prende il Covid alla festa in spiaggia, giovane di 17 anni è in gravi condizioni

 

I cantieri

Non bastavano i disagi causati al tratto, in seguito all’incendio occorso nel 2018 ad un camion sotto la galleria Castello; non bastavano i problemi causati dal sequestro delle barriere di protezione di dieci cavalcavia ad opera della procura di Avellino, nel 2018. Dopo i sopralluoghi effettuati nei mesi scorsi, il Ministero ha autorizzato gli interventi nelle gallerie del tratto a 14 Pedaso – San Benedetto. Verso sud, nella galleria “Pedaso sx”, i lavori sono cominciati il 26 aprile, con scambio di carreggiata tra i chilometri 287+750 e 289+700. Verso nord, una settimana prima, nelle gallerie tra i km 294+700 e 301+400. Dopo quelli delle scorse settimane tra Regione, Ministero e Aspi, domani ci sarà un nuovo incontro a San Benedetto del Tronto, tra tutti i sindaci di entrambe le province, con il presidente della Regione Francesco Acquaroli. Manca poco, quindi, per la fine dei disagi, ancora fino a venerdì, e poi la circolazione, imprevisti permettendo, tornerà a doppia carreggiata in entrambi i sensi di marcia. Se lo augurano tutti, dagli automobilisti agli autotrasportatori, che ogni giorno a diverso titolo, per questioni lavorative e personali devono percorrere il tratto, tra molti rischi e pericoli. L’ultimo incidente, appena una settimana fa. Se lo augurano anche i sindaci, che sperano possano cessare anche gli intasamenti della statale che diventa, per le città di entrambe le province, un problema urbano. 

I disagi

Disagi analoghi cessati anche a Porto San Giorgio, da quando il cantiere del cavalcavia è stato ridotto, lo scorso 13 giugno, a 300 metri di macchinari sulla corsia di emergenza, in seguito al montaggio del nuovo impalcato. Problemi potrebbero esserci, comunque, stanotte e domani notte, per la chiusura del tratto Porto Sant’Elpidio – Porto San Giorgio per lavori propedeutici al varo da fare nella carreggiata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA