Scogliera contro l’erosione: il Comune ha già chiesto un finanziamento alla Regione

Lunedì 27 Settembre 2021 di Luigina Pezzoli
Scogliera contro l erosione: il Comune ha già chiesto un finanziamento alla Regione

GROTTAMMARE -  Prosegue la lotta all’erosione marina a nord del torrente Tesino. Il Comune di Grottammare, infatti, ha richiesto alla Regione Marche un finanziamento per realizzare una scogliera emersa in quel tratto, predisposto dal personale tecnico interno all’Area Gestione del Patrimonio. 

 


In particolare il progetto prevede la realizzazione di 78, dei cento metri lineari di scogliera emersa, previsti dal piano, per un importo complessivo di 375mila euro, di cui 75mila euro provenienti dalle casse comunali. «Mentre 300 mila euro sono quelli che abbiamo richiesto alla Regione, inerenti i fondi che ogni anno mettono a disposizione per la difesa della costa» tiene a precisare il primo cittadino Enrico Piergallini. L’obiettivo dell’intervento, dunque, è quello di risolvere il problema dell’erosione nel punto più delicato della foce nord del Tesino.


«In questo tratto – prosegue il sindaco Piergallini - è possibile realizzare una scogliera emersa grazie ad un aggiornamento al piano della costa accolto e messo in atto dalla Regione Marche. Se riusciremo ad ottenere questi fondi, proviamo ad intervenire: dei cento metri lineari di scogliera emersa previsti al piano, con questo fondo proviamo a farne 78 metri, quindi più di tre quarti della scogliera. E’ ovvio che nei prossimi anni si potrà ampliare fino ad arrivare a cento metri, la lunghezza massima prevista per una scogliera emersa».


Per quanto riguarda i soldi messi in campo dal Comune l’ente locale dovrà accendere un mutuo «che comunque richiederà una determinata tempistica. Ci impegniamo quindi a finanziare l’intervento per la quota del 20%. Puntiamo a realizzare quest’opera nell’arco del 2022». Contro i danni dell’erosione l’ultimo intervento finanziato della Protezione civile regionale risale ai mesi scorsi e ha riguardato il rafforzamento della scogliera che si trova di fronte la balconata sul mare, nell’area della foce del fiume Tesino. Un intervento reso necessario a seguito delle mareggiate verificatesi a fine del 2019. 


In particolare in questo caso le opere principali hanno previsto la ricostituzione del profilo di costa in breccia sottostante l’area sportiva, per tutta la sua lunghezza, pari a 71 metri, mediante il paleggiamento dello stesso materiale disperso dalle mareggiate, e il ripristino delle opere superficiali pure danneggiate dai medesimi eventi, area verde e impianto di irrigazione. Il progetto era stato presentato alla Regione Marche che ha stabilito un  contributo a totale copertura del costo degli interventi.


L’approvazione dell’elaborato esecutivo seguiva un’altra deliberazione della Giunta comunale, relativamente al consolidamento della scogliera radente a sud del tratto in questione, con la finalità di ripristinare la sicurezza e la piena vivibilità del luogo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA