Cirri non verrà a Senigallia, CaterRaduno in bilico: manca lo sponsor e anche altri nodi da sciogliere

Venerdì 16 Aprile 2021
Cirri non verrà a Senigallia, CaterRaduno in bilico: manca lo sponsor e anche altri nodi da sciogliere

SENIGALLIA  - Massimo Cirri, uno dei conduttori del CaterRaduno, non verrà a Senigallia. Non è una novità per l’Amministrazione comunale. Aveva appreso la decisione personale del conduttore che, dopo la rimozione dello striscione per Giulio Regeni, aveva preso le distanze.

LEGGI ANCHE:

L’estate ripartirà (forse) dagli eventi: CaterRaduno, XMasters e Summer Jamboree

 

Una scelta, ufficializzata ieri, che non aveva compromesso l’evento infatti, già nel momento di confermarlo nel bilancio comunale, il Comune era a conoscenza del fatto che non ci sarebbe stato. Una decisione sua e non di Caterpillar. La produzione infatti aveva confermato l’evento. Ora a metterlo davvero a rischio ci sono sia le restrizioni anticovid, che comunque consentirebbero di creare una versione rivisitata, ma soprattutto il mancato rinnovo del contratto da parte di Eni, principale sponsor che si faceva carico di gran parte delle spese. Nonostante non ci siano molte affinità con la trasmissione, il Comune aveva deciso di continuare a dare la propria disponibilità. Nelle scorse settimane però non ha partecipato all’evento “Mi illumino di meno” promosso da Caterpillar.

Ricapitolando. Manca lo sponsor, uno dei conduttori ha dato forfait e i raduni non si possono fare. Tutto fa pensare che non se ne farà nulla anche se l’Amministrazione, non avendo ricevuto il dietrofront della produzione, confida che qualcosa si possa ancora organizzare. Amareggiato il consigliere comunale di Forza Italia, Luigi Rebecchini. Era stato lui, quando rivestiva il ruolo di assessore al Turismo, a portare per la prima volta l’evento in città. «Caro Massimo Cirri – il suo appello al conduttore -, apprendo con grande amarezza il “divorzio” con Senigallia. Non dico stupore perché avevo intuito che i rapporti con te e con la vostra trasmissione non sono stati purtroppo più curati, come sarebbe stato necessario. Mi auguro che la Giunta si adoperi per mantenere la manifestazione e ricucire con te quel rapporto di stima che ti dobbiamo per quanto hai fatto per la nostra città».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA