Manchester City, Guardiola: «A Parigi per vincere. Foden e Mbappé? Difficile fare paragoni»

Martedì 27 Aprile 2021
Manchester City, Guardiola: «A Parigi per vincere. Foden e Mbappé? Difficile fare paragoni»

Il Manchester City scalda i motori in vista del match di Champions contro il Psg. «Andiamo a Parigi con un solo obiettivo: vincere», parola di Pep Guardiola. Il tecnico del City, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita ha dichiarato che: «Altri risultati non ci interessano. Non so se apparteniamo all'élite della Champions, ma vogliamo sempre esserci», così il tecnico del club inglese. Che poi ha aggiunto: «Noi abbiamo un gioco e lo proporremo, come facciamo sempre: vogliamo portare a casa un risultato positivo. Cercheremo di imporci, anche per evitare pericoli. Ho imparato da Johann Cruyff che bisogna godersi la partita e prendersi le proprie responsabilità: lo faremo». Di seguito le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa.

Il match

"Tutti sono in forma, pronti e felici, penso. Tutti noi lo siamo. Come tecnico sono grato di avere l'opportunità di essere lì. Per il Real Madrid, il Barcellona e il Bayern Monaco, che hanno vinto molte volte la Champions League, è normale giocare a questo livello questi giochi. Per noi è un'esperienza nuova e siamo incredibilmente grati di poterla vivere. È bello andare a Parigi".

Fa Cup, è il Chelsea la prima finalista: battuto il City. Vince il Bayern, ma Flick lascia. Al Barça la Coppa del Re

Il Psg

"Sono davvero bravi. Sono giocatori incredibili, ed ecco perché sono arrivati fin qui. Cercheremo di fermarli, difenderemo bene insieme come una vera squadra, giocheremo e cercheremo di segnare più gol possibili. Naturalmente, dobbiamo regolare alcune cose, contro questi giocatori. Ma abbiamo combattuto molto per arrivare a questa fase".

La Roma verso Manchester, cosa non va: forma non al top e cali di tensione

Neymar

"Mi ricordo quando vidi alcune clip del Santos e ricordo che dissi "lui è il re del Santos", che giocatore! È una gioia guardarlo da spettatore: la personalità che ha. Sono sicuro che se fosse rimasto più a lungo a Barcellona avrebbero vinto due o tre Champions League in più. Erano inarrestabili, i migliori che ho visto nella mia vita. Poi ha deciso di arrivare a Parigi, e non è stata una cattiva decisione, una bella città e un bel club. Ad ogni modo: nel Psg non c'è solo lui".

Foden-Mbappé

"Giocano in diverse posizioni. Entrambi sono giovani incredibilmente abili, ma sono in posizioni competentemente diverse, così difficili da confrontare. La cosa importante è che il Psg sarà così felice di avere Mbappe e non potete immaginare quanto noi siamo felici di avere Phil. È un tifoso del City, è nella nazionale. Non faccio regali ai giocatori se non se lo meritano o se sono fan del City. Ultimamente Foden sta giocando perché è ad un buon livello".

Champions, il Bayern vince ma non basta. Il Psg va in semifinale e si vendica sui campioni in carica

Ultimo aggiornamento: 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA