Carrellata di talenti per Ancona Jazz Fall
Si inizia con Jarrod Lawson alle Muse

Carrellata di talenti per Ancona Jazz Fall Si inizia con Jarrod Lawson alle Muse
3 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 00:10 - Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 23:43
ANCONA - ​Il 2015 si profila l'anno con la più variegata e ampia offerta dell'ultraquarantennale storia di "Ancona Jazz".



Partiti a gennaio con la rassegna di pianisti , dopo il festival estivo, si chiude con "Ancona Jazz Fall", che "Spaziomusica" organizza in collaborazione con il Comune e le Cantine Moroder, e il sostegno di "Seeport Hotel" e della società di energia "Prometeo". I prossimi sei concerti vedono intrecciarsi due sedi: le Muse, sala grande e ridotto, e "Aion" di Moroder a Montacuto.



Si completa inoltre il programma previsto a livello ministeriale per "i luoghi del jazz": si tratta di due progetti originali, ideati dalla sede anconetana per due diverse formazioni, "costole" della nostra sempre più collaudata "Colours Jazz Orchestra", diretta dal trombonista Massimo Morganti. Il 6 dicembre si ricorda, come pochi hanno fatto in Italia, i sessant'anni della scomparsa di Charlie Parker attraverso la riproposizione delle partiture dei "Supersax", strepitosa formazione californiana che riproduceva gli assoli parkeriani adattandoli a un'intera sezione di ance. Il 15 dicembre Morganti dirigerà un sestetto che tributa il trombettista forse più influente, quanto sottovalutato, del jazz moderno, Woody Shaw. Riferimenti saranno due dischi storici del sestetto di Horace Silver, capisaldi del soul jazz degli anni Sessanta.



E a proposito del soul, Ancona ospita una tappa della tournée europea dell'astro nascente di questo genere, erede indiscusso di Donny Hathaway e di Stevie Wonder, che lo ha voluto l'anno scorso per la festa del suo compleanno. Dopo questa investitura, e un disco d'esordio dal grande successo di critica, Jarrod Lawson sta mietendo successi in tutto il mondo. Sarà alle Muse mercoledì prossimo alla testa di uno splendido gruppo integrato da due "vocalist" di supporto, proponendo un repertorio originale (testi e musica sono suoi) ed esibendo un talento al pianoforte degno di Oscar Peterson, e un registro vocale flessibile, dal baritono al morbido falsetto.



Le prevendite sono in corso presso la biglietteria del Teatro (tel. 071/52525). Il programma alle Muse si completa con la tradizionale "gospel night", l'antivigilia di Natale, con "The Voice of Victory", nove elementi sul palco. L'altra sede di riferimento per l'autunno sono le Cantine Moroder, che ospiteranno due appuntamenti: il 20 novembre è la volta dell'infuocato trombettista Joe Magnarelli, ch farà rivivere le torride atmosfere hard bop di Lee Morgan e Freddy Hubbard. E c'è la novità assoluta nella storia di "Ancona Jazz": la festa dell'ultimo dell'anno! A esibirsi sarà il quartetto del tenorsassofonista Henry Allen, una vecchia conoscenza di Ancona, accompagnata dal nostro pianista Andrea Pozza e da una ritmica internazionale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA