Il Ginesio Fest va anche in tour, anteprima a luglio con tre tappe a Urbisaglia, Gradara e Acquaviva, i premi “All'arte dell'Attore” a Valentini e Pierobon

Venerdì 20 Maggio 2022 di Chiara Morini
Remo Girone presiede il Premio "All'arte dell'Attore"

SAN GINESIO - Miglior attrice Petra Valentini e miglior attore Paolo Pierobon: sono i due vincitori del premio San Ginesio "All'arte dell’Attore”, presieduto da Remo Girone, annunciati ieri durante la presentazione della terza edizione del Ginesio Fest, dal 18 al 25 agosto a San Ginesio. 

 


L’edizione 2022 ha la direzione artistica di Leonardo Lidi, regista teatrale di 33 anni: «Il nostro lavoro si basa sulla forza della parola, e io ho cercato di trovare la forza di raccontare le nostre emozioni. Non ci saranno solo i nomi, ma anche persone e squadre che vivono il territorio. Ho voluto trovare personaggi del mondo del teatro e della scrittura che aiutassero a scrivere nuove pagine». Tra le novità, anche una sorta di anteprima, il Ginesio Fest in tour, a luglio, che suggella di fatto l’unione del festival di San Ginesio con l’intera regione Marche: tappe sono previste il 2 luglio a Urbisaglia, il 10 luglio a Gradara e il 16 luglio ad Acquaviva. «La fiamma del festival – ha commentato il sindaco di San Ginesio, Giuliano Ciabocco – dall’accensione nel nostro borgo, va nell’intero territorio regionale. Il tour è una novità di quest’anno, dopo le due precedenti edizioni». 


L’idea del Ginesio Fest è venuta nel 2019 alla direttrice generale Isabella Parrucci, poi il sindaco ha incontrato Remo Girone e insieme hanno parlato di valorizzare il santo patrono del borgo. «San Ginesio – ha spiegato Ciabocco – è il patrono degli attori. E l’obiettivo, sempre più concreto, è quello di trasformare il borgo nel borgo degli attori». Gli artisti saranno in scena tra le piazze e i siti d’arte del borgo, che sin da subito ha mostrato una grande forza di volontà e di rinascita culturale ed economica dopo il sisma del 2016.

I primi tre spettacoli sono nel Ginesio Tour: Annamaria Troisi porta in scena “Anna Cappelli” il 2 luglio a Urbisaglia, mentre Caroline Baglioni, autrice umbra under 40, presenterà “Gianni”, il 10 a Gradara e il 16 ad Appignano, il 19 agosto al chiostro Sant’Agostino di San Ginesio. Arriveranno Francesca Mazza e Angela Malfitano, in “Due vecchiette vanno a nord”, il 18 agosto, nel chiostro Sant’Agostino, e la compagnia “Sotterraneo teatro”, il 21 agosto sempre al chiostro, in “Shakesperology”. Protagonista di reading (20, 21, 22 e 23 agosto) Remo Girone, che ha commentato: «San Ginesio patrono della gente di teatro e di San Ginesio è una bella coincidenza, il premio nasce proprio da questo». Protagonisti ancora Lino Musella, Francesco Montanari, Michele di Mauro, altre presentazioni, una sezione per giovanissimi curata da Vera Vaiano: questi gli elementi del ricco programma proposto quest’anno.


«È importante valorizzare i borghi – commenta il presidente delle Marche Francesco Acquaroli – e il Ginesio Fest lo fa, essendo ormai divenuto patrimonio dell’intera regione». Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore Giorgia Latini: «Un’iniziativa che valorizza la bellezza e lo spettacolo dal vivo». «Un progetto che, prima che artistico, è di comunità», lo definisce Parrucci. Alla presentazione sono intervenuti anche il regista Giampiero Solari, nella giuria, il sindaco di Gradara, il presidente Cciaa Gino Sabatini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA