Mezzo dei rifiuti impazzito sfiora un'auto e abbatte un cancello. La donna alla guida della vettura: «Salva per miracolo»

Martedì 9 Febbraio 2021 di Luca Patrassi
Sul posto sono intervenuti i carabinieri

MORROVALLE - Un mezzo del Cosmari, di quelli utilizzati per il trasporto dei rifiuti, fuori controllo sulla discesa di contrada Bellavista mentre in senso contrario saliva il mezzo guidato da una consulente di Morrovalle: il tempo di percepire il pericolo e fermarsi senza però avere il tempo di scappare. Attimi di terrore puro ieri mattina verso le dieci per una morrovallese. «Ho visto la morte in faccia»: è il primo commento di Loredana Ciccarelli, ancora sotto choc nel raccontare quanto accadutole poco prima.

 

«Io ero con la mia auto e stavo salendo quando ho visto il camion scendere senza controllo, ho potuto solo fermarmi, attimi di terrore autentico fino a quando l’autista è riuscito a far deviare il mezzo sulla destra. Mi è passato a pochi centimetri ed è andato a schiantarsi sulla cancellata di un’abitazione e contro un’auto in sosta».

Sul posto i carabinieri di Morrovalle per i rilievi dell’incidente stradale. In corso di valutazione le cause dell'incidente e per definire le cause dell’incidente, cosa insomma possa aver provocato la corsa impazzita del mezzo pesante lanciato in discesa. Il mezzo alla fine, quando l'autista è riuscito a deviarlo da una traiettoria che avrebbe potuto portarlo al frontale con la vettura che saliva dal fronte opposto, è andato a schiantarsi contro il cancello in ferro battuto di un'abitazione demolendo anche le colonne di sostegno in cemento armato e distruggendo una 500 che era in sosta.

Il commento della proprietaria dell’abitazione: «se non ci fosse stata la colonna in cemento armato, il camion me lo sarei trovato in casa. Certo di danni ne ha comunque fatti tanti..». Rispetto alla scena iniziale che si è presentata agli occhi della morrovallese Loredana Ciccarelli, si può dire pericolo scampato. I danni ci sono stati e nemmeno di piccola entità, ma appunto poteva andare molto peggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA