Indagine sui danni alla vetrina di un bar, al vaglio i filmati della videosorveglianza. La pista dell'avvertimento

I danni alla vetrina
I danni alla vetrina
di Chiara Marinelli
3 Minuti di Lettura
Martedì 10 Agosto 2021, 05:30

CIVITANOVA - Proseguono nel massimo riserbo le indagini per dare un volto alla persona che, nella notte tra sabato e domenica, armata di una sorta di spranga di cemento, ha colpito la vetrata del bar Infinity Cafè.

 

 

L’arma con la quale è stato messa a segno il colpo non è stata trovata nelle vicinanze mentre proseguono da parte dei carabinieri della Compagnia di Civitanova, guidati dal capitano Massimo Amicucci, l’acquisizione e la visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza installate nelle vicinanze del bar di corso Vittorio Emanuele. 
Gli inquirenti si stanno concentrando su tutti i movimenti avvenuti nei pressi del bar, preso di mira in nottata. Il locale era stato chiuso all’una di notte e del fatto il proprietario ne è venuto a conoscenza soltanto la mattina seguente, al momento dell’apertura dell’attività. «Ho depositato formalmente la denuncia ai carabinieri – ha raccontato il proprietario del bar di corso Vittorio Emanuele, Maurizio Francioso -, riferendo anche della chiamata da un numero sconosciuto ricevuta un’oretta dopo il danneggiamento alla vetrata. A quell’ora non sapevo ancora nulla di quello che era successo e non ho collegato. I colpi sono stati dati con una spranga di cemento che però l’autore del fatto si è portato via. Non è stato trovato nulla nelle vicinanze del bar». Come si diceva, le indagini per fare luce sull’episodio sono in corso. In primo luogo è caccia all’autore materiale dell’inquietante raid. Poi ci saranno da chiarire le ragioni dietro quello che, a detta del proprietario, ha tutta l’aria di essere una sorta di avvertimento, anche se ai carabinieri il gestore del locale ha riferito di non aver subito minacce o episodi particolari, al di là della chiamata ricevuta nella notte tra sabato e domenica da un numero sconosciuto. 
Al momento nessuna pista è esclusa. Soltanto pochi giorni fa, nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi, erano stati esplosi due colpi di pistola contro la vetrata del bar Franco, in via De Amicis, lungo la statale adriatica. Qualcuno, dalla strada, aveva puntato una pistola contro la vetrata di ingresso del locale ed aveva esploso due colpi, che avevano danneggiato il vetro. In quella circostanza i vicini avevano sentito gli spari e avevano chiamato la polizia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA