Pasta Corona "bruciata" dal nome del virus: annullato l'ordine per la Corea

Giovedì 6 Febbraio 2020
Porto San Giorgio, Pasta Corona

PORTO SAN GIORGIO - Quando il tuo cognome è un temuto virus e quando si ha la sfortuna di sceglierlo come nome di un brand. Pasta Corona e Coronavirus, una fortuita coincidenza che però sta generando ripercussioni negativeper l’azienda che produce pasta all’uovo top luxury. «Abbiamo un consistente ordine sospeso dalla Corea. Un intero container di pasta (15mila euro il suo valore) bloccato a causa del nostro nome che in questo momento richiama il drammatico virus» ammette Tiziana Corona, ideatrice e titolare del marchio di Porto San Giorgio che produce pasta all’uovo trafilata in oro a 24 carati. 

LEGGI ANCHE:
L'allarme scatta all'alba ma il bimbo ha troppa fretta e nasce sull'ambulanza

Fermo, il furgone sbanda, centra un palo e si ribalta nel giardino di una casa

Tiziana racconta la vicenda: «Un po’ di mesi fa siamo stati contattati da un’azienda coreana del luxury che voleva ampliare il proprio giro d’affari inserendo il settore food e aveva selezionato la nostra pasta. Prese le dovute informazioni sulla credibilità della controparte, abbiamo cominciato la trattativa e fornito le certificazioni del prodotto. Una trattativa che è durata un paio di mesi e che doveva portare alla stesura di un ordine cospicuo. Un intero container di Pasta Corona» racconta l’imprenditrice. «Tutto sembrava avviarsi verso la conclusione positiva della trattativa, tant’è che avevo cominciato ad attrezzarmi per adeguare la confezione dei prodotti in lingua coreana. Improvvisamente, i colloqui hanno subito una brusca interruzione. Nessuna risposta alle nostre mail, nessun contatto. Tutto ciò mi sembrava inspiegabile. Poi quando ho sentito per la prima volta il nome Coronavirus ho ricollegato tutto» conclude Corona.

Ultimo aggiornamento: 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA