Il giro a Lapedona gli costa caro: arrestato un 43enne. Aveva l'obbligo di dimora a Fermo

Il giro a Lapedona gli costa caro: arrestato un 43enne. Aveva l'obbligo di dimora a Fermo
Il giro a Lapedona gli costa caro: arrestato un 43enne. Aveva l'obbligo di dimora a Fermo
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Settembre 2022, 02:10

FERMO -  I carabinieri i della compagnia di Fermo hanno arresto una persona per violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, e ne hanno denunciata un’altra per violazione del Daspo urbano. L’altro pomeriggio, una pattuglia della stazione carabinieri di Monterubbiano, nel corso di uno dei quotidiani controlli per il presidio del territorio, ha controllato gli occupanti di un furgoncino che procedeva su una strada di Lapedona, mai visti prima di quel momento in zona.

La verifica in banca dati su uno dei due passeggeri, ha consentito di accertare che quell’uomo, un 43enne residente a Fermo risultava gravato dalla misura di prevenzione personale con obbligo di soggiorno nel comune di Fermo, in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale nel 2020. Verificata la misura di prevenzione, i carabinieri hanno condotto il sorvegliato speciale presso la caserma di Monterubbiano ove, al termine delle formalità di rito, il 47enne è stato dichiarato in stato di arresto per violazione del decreto legislativo n. 159/2011, e poi tradotto presso la sua abitazione per rimanervi in regime di arresti domiciliari, in attesa del rito per direttissima. L’indomani mattina, in udienza, il suo arresto veniva convalidato dal Gip del tribunale di Fermo; nei confronti dell’uomo è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

La denuncia


A Petritoli, invece, i carabinieri hanno denunciato per violazione del Daspo urbano, un 30enne di origini albanesi residente in zona. Nonostante fosse gravato da un provvedimento emesso dal questore di Fermo nel mese di febbraio scorso, con il quale gli veniva fatto espresso divieto di accesso ai pubblici esercizi con licenza per la somministrazione di cibi e bevande, nonchè di avvicinarsi a locali di pubblico intrattenimento con analoga licenza,in tarda serata era entrato e si era intrattenuto in un bar ove poi era stato sorpreso dai carabinieri nel corso di un controllo. Immediata è scattata per lui la denuncia a piede libero alla Procura della Repubblica di Ferm. Come sempre, quindi, i carabinieri sono impegnati nel presidio del territorio che passa, come in questi due casi, anche per la verifica sulla osservanza dei provvedimenti di prevenzione personale emessi nei confronti gravati da precedenti penali o ritenuti potenzialmente pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA