Lilia, un secolo di vita: con il parroco e il sindaco e tutto il nucleo familiare una festa fra mille ricordi

Sabato 25 Settembre 2021
Lilia, un secolo di vita: con il parroco e il sindaco e utto il nucleo familiare una festa fra mille ricordi

CAMPOFILONE  - Ha spento 100 candeline Lilia Cossignani, nata a Campofilone il 23 settembre 1921. Una memoria vivente di un secolo di mutamenti straordinari. Nata tre anni dopo la fine della prima guerra mondiale e già donna durante la seconda, la centenaria vive in contrada Elisena e il suo mondo, la sua forza, i suoi punti di riferimento sono nella famiglia.

 

Incontrò l’uomo della vita, Donato Di Ruscio, sulla strada che la portava a scuola, e che lei, ragazzina, percorreva a piedi. Nel 2016 il suo Donato è volato in cielo ma Lilia non è rimasta sola, è circondata dall’affetto delle figlie Clara e Anna, di generi e nipoti. Amata da tutti in paese, solare e scherzosa, con la famiglia va tutte le domeniche al cimitero cper ritrovare il suo amore, segue la messa in tv, si è vaccinata. Fino a 90 anni ha continuato a cucinare per tutti la domenica.

Specialista delle tagliatelle e del pollo arrosto con patate al forno, il suo piatto forte era il frustingo. Il gioco preferito la tombola con i parenti. Ancora oggi Lilia scalda il letto come faceva una volta, con il prete e la monaca (struttura in legno e pentola di coccio con la brace). Ha lavorato tanto in campagna ma è sempre riuscita a trovare il tempo per lavorare a maglia e fare l’uncinetto. A festeggiare le sue cento primavere c’erano le figlie con i mariti e i nipoti, la badante, il sindaco Gabriele Cannella e il parroco del paese don Osvaldo Riccobelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA