Banche, previsti più di 13mila esuberi nel 2020: ecco il quadro

Martedì 18 Febbraio 2020
Tra piani di ristrutturazione e possibili fusioni, il settore bancario è in sofferenza. E lo si vede dal numero degli esuberi previsti per il 2020: sono 13.269 a cui vanno ad aggiungersi i 16.434 già realizzati negli ultimi tre anni. Se si sommano queste due cifre, si arriva a 29.693 esuberi totali. Tuttavia si deve specificare che quando si parla di esuberi, non si tratta di licenziamenti ma unicamente di pensionamenti e prepensionamenti volontari.  

I primi nove gruppi bancari italiani (Monte dei Paschi, Unicredit, Banco Bpm, Intesa Sanpaolo, Ubi, Bper, Crédit Agricole Italia, Carige e Bnl) prevedono un numero consistente di esuberi nel corso del biennio 2019-2020 ai quali si aggiungono quelli già effettuati come si può osservare nella tabella seguente.   

Banca                                Lavoratori in uscita             Lavoratori già usciti               Totale       
Monte dei Paschi              2.250                                   2.250                                      4.500
Unicredit                           1.200                                    3.250                                      4.450
Banco Bpm                       -                                            2.600                                      2.600
Intesa Sanpaolo               4.850                                     5.700                                      10.550
Ubi                                    917                                        1.089                                       2.006
Bper                                  1.289                                     1044                                        2.333
Crédit Agricole Italia          113                                        330                                          433
Carige                                1.250                                     -                                              1.250
Bnl                                      1.400                                     171                                          1.571 

Da segnalare la situazione di Unicredit. Il gruppo bancario nel nuovo piano industriale prevede 6.000 esuberi e la chiusura di 450 filiali in tutta Italia, a causa della forte riduzione dell'operatività degli sportelli dal 2016 a oggi che è scesa del 55%. Quindi ai 1200 esuberi sicuri (dato della tabella), è probabile che si andranno ad aggiungere questi altri 6.000 che però rimangono ancora teorici, perché non c'è stato fin ad ora nessun accordo con i sindacati. Tuttavia sono previste assunzioni pari alla metà degli esuberi. 

Il panorama generale del settore bancario potrebbe ulteriormente cambiare se si dovesse realizzare la fusione tra Intesa Sanpaolo e Ubi. Dal comunicato ufficiale sull’operazione si sa che il gruppo risultante da questa unione – in caso l’ops andasse a buon fine – assumerà 2500 giovani ma, «con un rapporto di un’assunzione ogni due uscite volontarie». Questo vuol dire che, tolte le nuove entrate, gli esuberi si attesteranno attorno alle 5 mila posizioni. E questo non in Ubi ma sull’intera pianta organica derivante dall’acquisizione. «Nelle 5 mila uscite di personale solo su base volontaria previste dalla fusione tra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca sono incluse le 300 già concordate in Ubi, le nostre mille già concordate e tutte le altre che potranno esserci. Questa cifra secondo me è molto prudente»ha spiegato l'amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina. 

Ai numeri degli esuberi che si sono registrati negli ultimi anni nelle banche del nostro Paese, bisogna però aggiungere i dati relativi alle assunzioni. Nel corso del 2019 sono stati assunti 1.750 under 35, quasi 150 al mese ( più nel dettaglio 6.657 nel 2012, 2.164 nel 2013, 2.126 nel 2014, 2.969 nel 2015, 2.585 nel 2016, 2.511 nel 2017 e 1.538 nel 2018). Circa il 57% delle assunzioni complessive ha riguardato il personale femminile mentre il restante 43% ha coinvolto il personale maschile. I nuovi ingressi hanno dunque bilanciato gli esuberi del settore. 

Una situazione quella del settore bancario che l'Italia condivide con il resto del Vecchio Continente. In Europa infatti, negli ultimi anni, sono stati persi 470.000 posti di lavoro, il 70% dei quali con licenziamenti. A questo panorama si deve aggiungere l'ultimo piano di ristrutturazione di Hsbc. Il primo istituto di credito europeo per capitalizzazione, ha annunciato che nei prossimi tre anni ridurrà del 15% il proprio personale tagliando 35.000 posti di lavoro negli Usa e in Europa. 


Ultimo aggiornamento: 17:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA