Provoca un frontale al volante della sua Bmw, nei guai noto medico ospedaliero: era drogato

Scattata la denuncia per il quarantanovenne oltre al ritiro della patente
Scattata la denuncia per il quarantanovenne oltre al ritiro della patente
di Cesare Arcolini
3 Minuti di Lettura
Sabato 29 Maggio 2021, 11:06 - Ultimo aggiornamento: 14:55

CAMPOSAMPIERO - Si mette al volante dopo aver fatto uso di cocaina e cannabinoidi, si butta in sorpasso e provoca un frontale. Uscito con qualche giorno di prognosi, l’automobilista adesso dovrà fare i conti con la giustizia. E a finire nei guai non è uno qualunque, ma un medico dell’ospedale di Camposampiero, I. M .A., di 49 anni. Gli accertamenti clinici effettuati al pronto soccorso nell’immediatezza dei fatti hanno evidenziato la positività ai due tipi di droghe. 

Marche, paura all'alba: scossa di terremoto sulla costa. Sciame sismico in Adriatico

I FATTI

I fatti risalgono al 31 marzo scorso. Il medico attorno alle 18,50   si trovava al volante sella sua Bmw 330: durante una manovra di sorpasso è andato a schiantarsi frontalmente con una Audi A4 con al volante L. V. di 48 anni di Camposampiero. 
Nell’occasione, oltre al conducente della Bmw, ha riportato lievi ferite anche la moglie del quarantottenne. Un incidente “spettacolare”, con le auto praticamente distrutte. Quando i primi soccorritori sono arrivati sul posto hanno temuto di trovarsi davanti a una tragedia. Fortuna ha voluto che una volta accompagnati in ospedale il loro quadro clinico si stabilizzasse. Le analisi mediche, però, hanno gettato una macchia pesante sul conducente della Bmw 330.

Coronavirus, nuova frenata dei positivi nelle Marche: sono 83 nelle ultime 24 ore/ Il trend dei contagi

Ieri, dopo quasi due mesi dagli eventi, i riscontri clinici sono pervenuti in caserma a Camposampiero. I militari dell’Arma, coordinati dal maresciallo Claudio Girolimetto, non hanno potuto far altro che convocare il medico e metterlo di fronte alle proprie responsabilità. Al termine delle formalità di rito lo hanno denunciato per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti con contestuale ritiro della patente. È probabile che almeno per un anno l’uomo non possa più rimettersi alla guida di un’auto.


IL PROTAGONISTA

L’indagato, medico all’ospedale di Camposampiero, è una persona molto apprezzata nel suo lavoro. Ecco perché quanto avvenuto ha lasciato tutti senza parole. Il professionista ora potrebbe anche subire anche dei procedimenti disciplinari vista la denuncia. I pattugliamenti dei carabinieri della Compagnia di Cittadella lungo le principali arterie del territorio proseguiranno senza sosta soprattutto nel fine settimana. L’obiettivo è quello di intercettare proprio automobilisti positivi ad alcol e droga che di fatto potrebbe provocare gravi incidenti stradali. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA