Bicchieri vuoti e rifiuti abbandonati in strada, la rabbia dei frequentatori del centro: «Servono più controlli»

Lunedì 17 Maggio 2021 di Filippo Ferretti
Bicchieri lasciati davanti al duomo di Ascoli Piceno

ASCOLI - La movida sta umiliando alcuni dei più importanti monumenti della città. Il decreto governativo, che dallo scorso 3 maggio ha permesso anche alle attività del settore food & beverage di poter di nuovo aprire e di accogliere i clienti all’aperto, deve essere stato mal interpretato da alcuni protagonisti del weekend ascolano.

Addio al dottor Landro, aveva 66 anni. L'ultima battaglia per il centro vaccinale alla Croce Azzurra

Violenta carambola tra auto. Tre donne ferite, una è in gravi condizioni a Torrette

 

Infatti, mai come in questo periodo, coloro che soprattutto di venerdì e di sabato sera frequentano gli affollatissimi locali del centro storico, finiscono spesso con il consumare in piedi i loro drink e con il lasciare bicchieri e bottiglie davanti a vari capolavori architettonici. 


L’escalation
In realtà, il fenomeno si era già intravisto in passato, in periodi lontani dal coprifuoco. Ma rispetto ad allora, adesso, con la chiusura dei locali alle ore 22, i consumatori si limitano a raccogliersi nei dintorni dei bar e lasciare lì i resti della loro baldoria. Il clamore verificatosi nelle prime due settimane di zona gialla ad Ascoli ha interessato in particolare alcuni luoghi sacri. Il mattino successivo ai tanti raduni alcolici che coinvolgono il cuore del capoluogo piceno vede spesso mostrare fotografie imbarazzanti, considerando che a scoprire il triste risultato di certi bagordi siano, ancor prima degli operatori ecologici, coloro che si recano alle funzioni religiose di primissima mattina. 


I luoghi preferiti
È accaduto che a lanciare l’allarme nelle ultime ore siano stati i frequentatori della cattedrale, una volta trovatisi davanti ai numerosi bicchieri in vetro abbandonati mezzi vuoti sul sagrato della chiesa più importante della città. Accanto a tutto ciò, sono rinvenuti spesso anche numerosi bicchieri rotti, lasciati per terra senza mai essere stati riconsegnati al bar di provenienza una volta consumati. La stessa situazione avviene il sabato e la domenica mattina davanti alla chiesa di San Francesco in piazza del Popolo, i cui sedili di travertino troppo spesso vengono scambiati dai consumatori per discariche. In merito, dopo numerose e ripetute lagnanze da parte dei fedeli, sta intervenendo la diocesi, allo scopo di ottenere maggiori controlli per evitare simili indecorosi scenari proprio davanti alla casa del Signore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA