Addio ad Antonino Donati, il pallone nel cuore: calciatore, allenatore e poi anche un'impresa edile

Mercoledì 7 Aprile 2021
Antonino Donati aveva 75 anni

MONTEMARCIANO  - Ieri a mezzogiorno se n’è andato Antonino Donati, 75 anni. Era ospite da tempo della casa di riposo di Corinaldo, da quando le sue condizioni di salute si erano aggravate a causa dell’Alzheimer e di altre patologie. Lascia il figlio Mirco, giornalista del Corriere Adriatico in servizio alla redazione sportiva, la figlia Debora, la nuora Manuela, i nipoti Tiziano e Cecilia e la sorella Rosalba. Antonino Donati si era fatto da solo, nel lavoro, nel calcio, nella vita.

LEGGI ANCHE:

L’ultimo saluto a Menotti il poliziotto altruista ucciso a 54 anni dal Covid

 

Era molto conosciuto nell’ambiente del calcio marchigiano: centrocampista energico e poi allenatore lungimirante, che aveva conquistato vittorie significative. Era basso di statura ma in mezzo al campo si notava eccome. Un Furino di quei tempi o un Gattuso di questi: un autentico motorino che non si fermava mai, uno che sembrava avere tre polmoni, sempre pronto a rubare palla e ripartire e ad aiutare i compagni con recuperi incredibili. Già da giovane si era dato da fare per ritagliarsi uno spazio nel mondo del lavoro, senza lesinare sacrifici: a 18 anni era un apprezzato idraulico e poi si specializzò nell’istallazione di termosifoni, impianti di riscaldamento e caldaie. Con l’amico Ernesto Del Vecchio mise in piedi una impresa edile e a Marina insieme costruirono diversi edifici.

Donati andò a giocare ancora giovanissimo ad Ancona nella blasonata Andreanelli per poi approdare alla Biagio Nazzaro Chiaravalle, al Marina e poi al Marzocca. Da mister fece bene a Castelferretti con una vittoria del campionato di I Categoria e poi con l’Urbino al secondo posto in Promozione. Continuò ad allenare e a stare nel calcio, a Monsano e poi a Montemarciano, ds al fianco del mitico Walter Vignoli. Da oggi alle 13 la camera ardente alla casa del commiato Pentericci in via Volta a Chiaravalle. I funerali venerdì alle 9.30 nelle chiesa Santa Maria della neve e San Rocco di Marina.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA