Ospedale di Fermo, sì al confronto con Gozzini. Sospeso il sit-in contro la carenza di medici e infermieri

Ospedale di Fermo, sì al confronto con Gozzini. Sospeso il sit in contro la carenza di medici e infermieri
Ospedale di Fermo, sì al confronto con Gozzini. Sospeso il sit in contro la carenza di medici e infermieri
di Domenico Ciarrocchi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Novembre 2022, 01:55 - Ultimo aggiornamento: 15:56

FERMO - Prima schiarita sul fronte della vertenza sanitaria. Il direttore del Dipartimento Salute regionale, Alberto Gozzini, ha confermato a Giuseppe Donati, coordinatore della Rsu, la volontà di incontrare una delegazione della rappresentanza sindacale nella giornata di domani. L’orario è da confermare. Per la Rsu, come dice Donati, è molto importante essere riuscita ad aprire un confronto con il Dipartimento che sta gestendo le fasi di applicazione della riforma. Si spera di incontrare nell’occasione l’assessore regionale Filippo Saltamartini. Sotto esame, come rimarca Donati, «la certezza dei rinnovi dei contratti a tempo determinato in scadenza il 31 dicembre. Su questo punto va specificato che la nostra Area vasta, a differenza delle altri confinanti che hanno avuto possibilità di attivare il triplo dei contratti precari senza la copertura economica, ha i fondi per poter finanziare i rinnovi dei contratti». Fra le materie sul tavolo, il pacchetto straordinario di assunzioni per colmare il gap di circa il 20% in meno di personale rispetto alle altre Aree vaste. 


Gli orari


«Ricordiamo - riprende Donati - le 120mila ore in meno di assistenza infermieristica erogate nel 2022 per carenza, indisponibilità ed esenzioni di circa 80 infermieri. Inoltre se qualche Area vasta piange perché ha fondi splafonati o ridotti, forse, dovrebbe guardare alla propria storia e capire gli errori fatti nell’utilizzo delle risorse, o meglio contare quante unità di personale ha in più rispetto ai piani occupazionali». La Rsu ha deciso, pur mantenendo lo stato di agitazione, di sospendere momentaneamente le iniziative di protesta come i sit in davanti ai vari presidi sanitari previsti per domani. Dopo l’incontro, l’assemblea decideranno se riprendere le iniziative e con quali modalità. «Di certo - chiosa Donati - non ci saranno sconti se i risultati non arriveranno. Un ringraziamento particolare va al consigliere Andrea Putzu che ha svolto il ruolo di mediatore con il Dipartimento Salute».

© RIPRODUZIONE RISERVATA