I maestri del bello al Salone di Fabriano
Vetrina per ceramisti, orafi e sarti

I maestri del bello al Salone
di Fabriano: vetrina
per ceramisti, orafi e sarti
FABRIANO - L’eccellenza dell’artigianato artistico protagonista a Fabriano del 1° Salone Internazionale dell’Artigianato – Remake Festival, evento organizzato dal Comune, al quale la Confartigianato ha aderito con grande entusiasmo. 
Partecipano all’iniziativa gli artigiani dell’artistico che fanno parte de La Via Maestra, il circuito promosso da Confartigianato per valorizzare le eccellenze del territorio e presso gli stand espositivi dell’evento è possibile ammirare la loro arte.

Ceramisti, orafi, ebanisti, sarti, costruttori di strumenti musicali e artisti della carta fatta a mano: l’arte e la tradizione dei maestri artigiani si mette in mostra in un evento di eccezione, il Salone di Fabriano, per proporre manufatti unici di pregio e di grande valore artistico, espressione di creatività e di bellezza.

L’esposizione rappresenta pertanto una grande opportunità per i visitatori di apprezzare e di conoscere una importante testimonianza della cultura e dell’identità del nostro territorio.

L’artigianato d’arte – dichiara Sandro Tiberi presidente Confartigianato Artistico - rappresenta nel mondo l’emblema del gusto e della peculiarità dei prodotti italiani e costituisce per il nostro Paese un enorme patrimonio culturale ed economico. Nel contesto globalizzato in cui ci troviamo oggi ad operare, diventa di fondamentale importanza secondo la Confartigianato sottolineare la qualità e l’unicità delle nostre produzioni.

Il Salone Internazionale di Fabriano – afferma Federico Castagna responsabile territoriale Confartigianato - in cui tradizione e innovazione si incontrano, è pertanto un contesto ideale per dare luce a questo importante settore del nostro artigianato che, sul territorio, tramanda competenze e abilità secolari, irripetibili e preziose.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 19 Ottobre 2018, 17:05 - Ultimo aggiornamento: 19-10-2018 17:05

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO