Tamponamento tra auto con una ragazza all'ospedale: i conducenti sono entrambi ubriachi

Martedì 16 Giugno 2020
Tamponamento tra auto con una ragazza all'ospedale: i conducenti sono entrambi ubriachi

FALCONARA Uno scontro tra due auto con i rispettivi conducenti alla guida sotto l’effetto dell’alcol. In via G. Baldelli a Falconara, i carabinieri del Norm di Ancona hanno deferito alla Procura della Repubblica del capoluogo dorico per “guida in stato di ebbrezza” un 31enne nigeriano residente a Chiaravalle e un rumeno 23enne residente ad Ancona, entrambi rimasti coinvolti in un incidente stradale. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, un solo nuovo positivo nelle Marche su più di 600 tamponi/ Il contagio nelle regioni in tempo reale

Coronavirus, salgono a 5 i contagi all'Hotel House. Convocata una riunione d’urgenza

Secondo la ricostruzione dei militari della Sezione Radiomobile il nigeriano 31enne a bordo di una Mercedes, intestata alla moglie e sprovvista dell’assicurazione, ha tamponato la Hyundai condotta da un rumeno 23enne e di proprietà del padre. Una ragazza, passeggerea dell'auto tamponata, è finita all'ospedale; patente addio per entrambi gli automobilisti.
 
Entrambi sono stati sottoposti ad accertamento alcolemico. Il primo è risultato avere un tasso pari a 1,61 g/l, di oltre tre volte il limite consentito, e quindi è stato denunciato alla Procura, mentre al secondo conducente, con un tasso di 0,52 g/l, valore leggermente superiore al limite consentito, è scattata una multa di 544 euro e decurtati 10 punti sulla patente. Nello scontro è rimasta ferita una ragazza 18enne di Trecastelli, passeggera della Hyundai condotta dal rumeno, che trasportata dai sanitari del 118 all’ospedale regionale di Torrette è stata successivamente dimessa con sette giorni di prognosi a seguito del trauma riportato. 
Per entrambi i conducenti coinvolti è scattato il ritiro della patente per il conseguente periodo di sospensione che sarà disposto in seguito dall’autorità prefettizia. Inoltre, l’autovettura condotta dal 31enne nigeriano è stata sequestrata per la mancanza della copertura assicurativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA