Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fabriano, in tanti per l'ultimo
saluto ad Ester Merloni

Fabriano, in tanti per l'ultimo saluto ad Ester Merloni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Marzo 2015, 13:56 - Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 12:10

FABRIANO - Grande folla per l'ultimo saluto ad

Ester Merloni stamani nel Duomo di San Venanzio a Fabriano.

Nonostante la pioggia tanta gente si è radunata per dare l'ultimo saluto alla primogenita dell'imprenditore Aristide Merloni, morta a 93 anni. In prima fila c'erano i fratelli Francesco e Antonio, con le mogli, i figli e i nipoti, e i figli dell'altro fratello, Vittorio, molto malato.

A celebrare la funzione don Luigi Monti affiancato da diversi parroci della zona. Il sacerdote ha letto un messaggio del vescovo mons. Giancarlo Vecerrica, incentrato sul «lato evangelico della vita di Ester, mite e allo stesso tempo molto generosa», e sull' esempio di «quanto sia più bello donare che ricevere».

Al termine del rito la nipote Francesca Merloni, poetessa, ha ricordato «la forza e l'amore» che Ester ha avuto per la sua famiglia, «un amore che teniamo forte nei nostri cuori». Poi il corteo funebre ha raggiunto il cimitero di Albacina, la frazione dove l'avventura industriale di Aristide Merloni ebbe inizio negli anni Trenta, e dove da oggi figlia e padre riposano insieme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA