Si perde nella neve del Catria: ore di angoscia, soccorso nel buio dall'elicottero dell'Aeronautica militare

Giovedì 3 Marzo 2022 di Marco Spadola
Il gruppo dei volontari del soccorso alpino speleologico della provincia di Pesaro Urbino con il giovane tratto in salvo

CANTIANO - La neve, il buio della sera, solo in mezzo alla montagna. Ha vissuto momenti di terrore ieri un giovane di Senigallia, che sbagliando sentiero ha perso improvvisamente l’orientamento in cima al monte Catria. E’ servito il soccorso dell’elicottero dell’Aeronautica militare attivato dal comando operazioni aerospaziali di Poggio Renatico, in provincia di Ferrara, per recuperarlo e portarlo in salvo.

Ex Amga, i privati bussano al Consiglio di Stato e chiedono un risarcimento-monstre: «Vogliamo 35 milioni dal Comune»

 

L’operazione complessa
Un’operazione alquanto complessa, scattata poco prima delle 19, grazie al consueto pronto intervento del soccorso alpino e speleologico Marche, stazione di Pesaro Urbino. Ricevuta la chiamata dal 26enne senigalliese tramite telefonino sono partite le difficili operazioni. Il giovane aveva deciso di trascorrere una giornata in mezzo alla natura, di compiere un’escursione nel comprensorio del monte Catria. Partito da Isola Fossara si è indirizzato nella zona del Corno del Catria, una delle più suggestive, ma per certi versi anche tra le più impegnative di tutto il comprensorio al confine tra Marche ed Umbria.

Voleva arrivare da sotto il Corno fino alla cima, ma non conoscendo molto bene quella parte di montagna si è ritrovato nel giro di breve sulle vie alpinistiche. In pochi istanti la bella giornata si stava trasformando in un incubo.

Ha perso l'orientamento
Ha perso l’orientamento. L’altezza, la neve e il calare della sera hanno fatto il resto. Sono stati minuti e ore di angoscia e paura. Intanto l’elicottero perlustrava l’area per cercare di individuare il ventiseienne. Lucidità e freddezza, l’elisoccorritore dell’Aeronautica è riuscito a individuarlo e a issarlo con il verricello a bordo dell’ elicottero.

In buone condizioni di salute
Insieme agli operatori del soccorso alpino e speleologico si è deciso poi per il trasporto al campo sportivo della vicina Cantiano. Qui i soccorsi si sono sincerati dello stato di salute del giovane senigalliese, ovviamente molto scosso. Ma fortunatamente per lui solamente tanta paura. Il ventiseienne, infatti, nonostante le ore di grande angoscia, è stato trovato in buone condizioni e ha potuto cosi fare ritorno a casa.

 

Ultimo aggiornamento: 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA