Detenuto cerca di uccidersi. Salvato, aggredisce e minaccia infermiera e poliziotti

Lunedì 14 Settembre 2020
Pesaro, detenuto cerca di uccidersi. Salvato, aggredisce e minaccia infermiera e poliziotti

PESARO - Paura nel carcere di Villa Fastiggi a Pesaro, dove un detenuto ha prima tentato il suicidio e poi ha aggredito i poliziotti penitenziari. La denuncia è del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

LEGGI ANCHE:
Si schianta contro i paletti, li abbatte e fugge, ma il pirata è "catturato" dalle telecamere

Coppia litiga nella notte, l'auto si sfrena e ne danneggia altre tre parcheggiate. I residenti lanciano l'allarme

Ricostruisce l’accaduto Nicandro Silvestri, segretario regionale per le Marche del Sappe: “A soli pochi giorni dalla vile aggressione di ben otto poliziotti operata da un detenuto per futili motivi, Il personale di polizia penitenziaria e il personale sanitario che operano presso il carcere pesarese continua ad  essere costantemente minacciato, aggredito verbalmente e fisicamente da detenuti. Nella notte di venerdì sè stato necessario ricorrere all’intervento del 118 per soccorrere un detenuto che aveva cercato di impiccarsi il quale come ringraziamento per l’assistenza ricevuta, nel pomeriggio  di sabato 11 settembre ha pensato bene di aggredire, minacciare , alla presenza della guardia medica, il personale di polizia penitenziaria intervenuto e l’infermiera dell’istituto rea di non aver concessa terapia medica al detenuto, per assenza di prescrizione medica e di necessità terapeutica". 

Ultimo aggiornamento: 15:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA