Minorenne ubriaca cammina vicino ai binari, salvata dalla polizia. Indagine sulla notte da sballo

Lunedì 14 Febbraio 2022 di Massimo Foghetti
Minorenne ubriaca cammina vicino ai binari, salvata dalla polizia. Indagine sulla notte da sballo

FANO - Non è sfuggita all’attenzione del macchinista che ieri alle 7 conduceva il treno sulla linea ferrovia Fano – Pesaro quella ragazza che camminava pericolosamente troppo vicino ai binari. L’aveva adocchiata da lontano e mentre il convoglio si avvicinava sempre più appariva chiaro che quella persona non si comportava normalmente: non solo la sua presenza al di qua della recinzione che tutela la linea ferrata era irregolare, ma anche la sua andatura non faceva presagire nulla buono.

 

La sera in discoteca
In quel momento il sole si stava alzando sull’orizzonte: le 7 erano passate da poco al termine di una notte, quella tra sabato e domenica, in cui le norme anti Covid erano state appena allentate e ai giovani era stata libertà di divertirsi tornando nei locali da ballo. Il macchinista ha pensato bene di allertare il numero unico di emergenza 112 che a sua volta ha avvisato il commissariato della polizia di Stato di Fano. Subito è partita una volante con a bordo due agenti che hanno intercettato la giovane all’altezza del ristorante Da Tano, poco dopo la foce dell’Arzilla. 

Come aveva segnalato il macchinista, la ragazza camminava sulla massicciata a pochi centimetri dalle rotaie, Non era escluso che transitando un treno ad alta velocità già solo con lo spostamento d’aria la ragazza potesse essere risucchiata verso i binari e finire sotto le ruote dei vagoni. I due agenti non hanno perso tempo: fermata la macchina, hanno scavalcato la barriera e sono entrati nel sedime ferroviario, raggiungendo in breve la ragazza che camminava in direzione di Pesaro, barcollava, come se si reggesse in piedi a fatica, anzi, inciampando tra i sassi era anche caduta. 

Portata al Santa Croce dal 118
Il suo atteggiamento lasciava chiaramente intendere che avesse ecceduto con l’alcol. I poliziotti l’hanno sostenuta e l’hanno accompagnata fuori dalla zona pericolosa. Nel frattempo era stato diramato un avviso perché durante l’operazione si arrestasse il traffico ferroviario nel tratto in questione. Sul posto poi è intervenuta una autoambulanza del 118 che ha trasportato la giovane al Pronto soccorso dell’ospedale di Fano.

Contattata la madre
Si tratta di una diciasettenne, residente nel circondario. Nel frattempo il commissariato di polizia ha contattato la madre perché potesse raggiungere la ragazza. Quest’ultima, dopo aver trascorso una notte in euforia con amici, intendeva tornare a casa, ma evidentemente non essendo completamente in sé, aveva scelto una strada pericolosa. Al momento nessun provvedimento è stato preso, ma gli inquirenti vogliono saperne di più: dove ha passato la notte la ragazza, chi le ha dato da bere, visto che è un minorenne, e chi l’ha lasciata sola in condizione di alterazione alcolica.

 

Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio, 08:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA