Marotta, ancora sangue nella notte: lite finisce con una coltellata. Un arresto e un uomo in ospedale

Mercoledì 11 Agosto 2021 di Marco Spadola
Carabinieri al lavoro di notte

MAROTTA  Ancora violenza e sangue, ancora botte da orbi e coltelli a Marotta. Protagonisti due uomini: uno è finito in manette, l’altro all’ospedale di Ancona, dove si trova in prognosi riservata. A distanza di solamente qualche giorno dalla maxi rissa di domenica all’alba nel parcheggio del Miu discodinner, nella città balneare si è verificato un altro gravissimo episodio.

LEGGI ANCHE

Rissa all'alba fuori dal Miu discodinner, un giovane accoltellato: è grave. Quattro arresti. Picchiati anche due carabinieri

LEGGI ANCHE

Maxi rissa e carabinieri aggrediti: scaricabarile dei quattro arrestati, si cercano due testimoni

 

E’ successo lunedì sera: un quarantatreenne del posto, già noto alle forze dell’ordine, ha aggredito un conoscente, della vicina Ponte Sasso, colpendolo con un coltello e procurandogli una grave lesione ad un rene. La violenta lite non è sfuggita ad un vicino di casa dell’aggressore che ha prontamente avvertito i carabinieri della locale stazione di quanto stava accadendo a pochi metri da lui. Erano circa le 22. I militari al loro arrivo hanno trovato davanti a casa il 43enne in una pozza di sangue, col viso tumefatto e anche una ferita al braccio. In strada, vicino a lui, un coltello ed un paio di forbici con macchie di sangue. Nel giro di pochissimo tempo sul luogo della rissa è tornato l’aggredito, un 47enne residente non lontano, a Ponte Sasso, che ha raccontato ai militari di essere stato assalito dal quarantatreenne. Per difendersi sarebbe scaturita quindi la violenza. L’uomo ha anche mostrato ai carabinieri le gravi ferite alla schiena, una delle quali ha lesionato addirittura un rene. Il 47enne per questo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, dove si trova ricoverato in prognosi riservata. L’aggressore, accompagnato al nosocomio di Fano e quindi a quello di Pesaro, è finito in manette con l’accusa di tentato omicidio. La prognosi non è riservata anche se è superiore ai 30 giorni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA