Pesaro, i pizzaioli chiacchierano a fine turno e scatta la multa da 400 euro: esplode la polemica

Martedì 12 Maggio 2020
Pesaro, i pizzaioli chiacchierano a fine turno e scatta la multa da 400 euro: esplode la polemica

PESARO - Hanno sfornato pizze take away o a domicilio insieme al titolare poi, al termine della serata di lavoro, i due pizzaioli si sono soffermati fuori dal locale per un birra, una sigaretta e due chiacchiere della buonanotte. Ma non potevano farlo secondo l’interpretazione del Dpcm data da un agente di polizia che, passando per un controllo in zona, ha elevato la multa da 400 euro.

LEGGI ANCHE:
Ceriscioli a Uno Mattina: «L'economia deve ripartire, ma in sicurezza. Le Marche sono pronte»

Coronavirus, bonus, contributi e sconti fiscali: tutte le misure del decreto Rilancio e come richiederle


E’ successo venerdì sera in via Torricelli, tra piazza Redi e il quartiere Loreto, ai danni di due giovani pizzaioli della pizzeria “Dal Paz” dove “paz” è l’abbreviativo del cognome del titolare, Andrea Pazzaglia, a cui quella multa non è andata per nulla giù, scrivendo al sindaco Matteo Ricci per reclamare quella dose di “buon senso” in cui ci sarebbe oltremodo bisogno in determinate circostanze. «Non erano sconosciuti - spiega - non erano clienti che stavano consumando fuori dalla pizzeria, erano due dipendenti che dopo avere provveduto alla chiusura si sono intrattenuti dieci minuti nei tavolini fuori. Non era neanche un assembramento perchè erano solo due e, a quanto mi hanno riferito, si erano fatti scrupolo di rimanere alla debita distanza come prescritto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA