Pesaro, manicure alla cliente malgrado le limitazioni Covid: centro estetico chiuso e igiene sotto accusa

Martedì 12 Maggio 2020 di Luigi Benelli
Pesaro, manicure alla cliente malgrado le limitazioni Covid: centro estetico chiuso e igiene sotto accusa

PESARO - Il centro estetico cinese non poteva essere in attività ed è fatto chiudere. E’ quanto accaduto nel pomeriggio di domenica. I poliziotti della Questura di Pesaro sono transitati nella centrale via Cavour da dove avevano raccolto una segnalazione. In pratica alcuni testimoni avrebbero visto una donna entrare in un centro estetico cinese ed essere accolta dal personale del locale come se potesse usufruire dei servizi. Del resto è noto che i centri benessere e di cura della persona non possono ancora operare nelle Marche. Si sta lavorando per arrivare a dei protocolli di intesa per poter lavorare in sicurezza dal 18 maggio nella Fase 2 Covid, anticipando la data del 1 giugno proposta dal Governo centrale. I poliziotti si sono quindi affacciati e hanno visto la luce accesa in una delle stanze del centro estetico. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, altri 5 morti in un giorno, nelle Marche le vittime salgono a 969

Via libera a bar, ristoranti e parrucchieri. Ceriscioli: «Le Marche riaprono il 18 maggio»


Fuori c’era un cartello con la scritta: “Chiuso, lavoro solo su appuntamento”. Gli agenti della Questura hanno trovato quindi la porta a fianco aperta e una volta affacciatisi hanno trovato due persone nascoste in una cabina dietro una tenda. La titolare del centro estetico stava effettuando una manicure su una cliente, cosa quindi vietata. Scatta la chiusura, ancora da decidere per quanto tempo. E non sono esclusi altri provvedimenti, vista la situazione igienica giudicata carente del locale.
 
 poliziotti hanno quindi proceduto all’identificazione delle persone in questione è scattata la sanzione per l’inosservanza del decreto governativo in materia delle attività che possono lavorare. Il centro estetico è stato fatto chiudere minimo per cinque giorni. Spetterà alla Prefettura decidere la lunghezza temporale della sospensione che può arrivare fino a 30 giorni. Ma non è finita qui, perché i poliziotti hanno notato che gli ambienti erano carenti da un punto di vista igienico sanitario in quanto a terra c’erano vari rifiuti tipici di un centro estetico. Gli attrezzi per le manicure e le suppellettili si presentavano sporchi di capelli e polvere, tutte caratteristiche non idonee alla regolare funzionalità di un centro estetico. Un fatto che è stato annotato e segnalato anche alla divisione anticrimine. Cosa quindi che potrebbe far scattare ulteriori controlli da un punto di vista sanitario degli enti preposti. Se l’obiettivo è aprire i centri estetici è riaprire il 18 maggio, le misure di sicurezza saranno stringenti.
Il protocollo
Il protocollo prevede camici monouso ma anche alternative nel caso questi non si dovessero reperire, igienizzazione dei locali e degli arredi, lavaggio giornaliero degli indumenti e teli ad alta temperatura (60-90 gradi) con prodotti igienizzanti. Non ci sarà obbligo di misurare la temperatura all’ingresso, ma la raccomandazione telefonica ai clienti di rinunciare in caso di febbre. Lo scrupoloso rispetto delle disposizioni per la tutela della sicurezza è una condizione indispensabile per la ripresa delle attività produttive e che ogni irregolarità non rappresenta solo un danno per l’impresa ma un fattore di rischio per l’intera collettività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA