Pesaro, assembramenti tra le bancarelle: commercianti multati e allontanati. E scattano i sequestri in spiaggia

Mercoledì 29 Luglio 2020 di Luigi Benelli
Pesaro, assembramenti tra le bancarelle: commercianti multati e allontanati. E scattano i sequestri in spiaggia

PESARO Assembramenti al mercato, due venditori ambulanti allontanati e multati. Controlli anche in spiaggia con un venditore abusivo sanzionato e un sequestro imponente. 

PESARO - Ieri mattina, nell’ambito del controllo del mercato settimanale del martedì, il personale della Polizia locale ha provveduto a contestare a due venditori ambulanti con banco e posteggio il mancato rispetto dei protocolli anti-contagio regionali. Entrambi vendevano abbigliamento e non adottavano le misure per prevenire il contagio da covid.

LEGGI ANCHE:
Montecopiolo, rimpatriata tra amici: altri dieci contagiati dal Covid

Coronavirus, torna l'allarme nelle Marche: nuovi focolai e 11 positivi. Ceriscioli: «Non abbassiamo la guardia/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Gli agenti della municipale hanno notato l’assenza di mascherine e igienizzanti, così come la mancanza di misure anti assembramenti come spaziature e distanziatori a terra. Si tratta di un afgano e un mercante del Bangladesh. Per loro un verbale da ben 400 euro ciascuno.
 
E non è tutto. Perché gli assembramenti hanno creato allarmismo negli operatori vicini e nei clienti. La contestazione della violazione ha comportato la immediata chiusura del banco per 1 giorno. Il verbale sarà inviato alla Prefettura, organo competente per l’irrogazione della sanzione definitiva e l’eventuale sanzione accessoria di chiusura da 5 a 30 giorni. I due ambulanti hanno dovuto lasciare il mercato interrompendo la loro attività. Anche la scorsa settimana un episodio simile con protagonista un pakistano che vendeva vestiti al mercato del San Decenzio. Anche lui era stato allontanato e multa da 400 euro. Il controllo del mercato è costante ogni martedì da parte della Polizia Locale ed il rispetto dei protocolli anti-contagio è uno degli obiettivi più rilevanti. Nel pomeriggio gli agenti della Polizia locale si sono spostati in spiaggia per contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale. Inevitabile il fuggi fuggi, ma un venditore è rimasto impigliato nella rete dei poliziotti. 
Gli agenti hanno sequestrato 650 pezzi tra bigiotteria, accessori e abbigliamento. Il venditore, abusivo, è un senegalese privo di permessi e licenza. Per lui un verbale da 5000 euro, cifra che difficilmente riuscirà a pagare. Gli agenti hanno importo anche l’ordine di allontanamento: il venditore se venisse sorpreso nuovamente in spiaggia rischierebbe conseguenze più gravi. La scorsa settimana un cittadino del Bangladesh era stato denunciato per aver opposto resistenza. Anche per lui era scattato il divieto di ripresentarsi in spiaggia e la multa da 5000 euro. La Polizia locale fa sapere che il contrasto all’abusivismo proseguirà per tutta la stagione estiva con particolare riguardo alle spiagge. 
I cartelli
Anche l’amministrazione comunale è attenta al tema. Sono infatti stati apposti oltre 40 cartelli contro l’abusivismo in spiaggia. Previste multe salate anche per chi compra. “Sono attività illegali per le quali non sono state pagate né tasse né iva e quindi danneggiano chi è in regola» fa sapere il Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA