Coronavirus, la Regione Marche ha deciso: test sierologici a forze dell'ordine, militari e vigili del fuoco

Coronavirus, la Regione Marche ha deciso: test sierologici a forze dell'ordine, militari e vigili del fuoco
Coronavirus, la Regione Marche ha deciso: test sierologici a forze dell'ordine, militari e vigili del fuoco
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Aprile 2020, 19:02 - Ultimo aggiornamento: 19:08

ANCONA - Dopo il personale sanitario, il test sierologico per la verifica degli anticropi Coronavirus sarà esteso ai Corpi di Polizia civile e militare, alle Forze Armate e ai Vigili del Fuoco. Lo ha stabilito ieri la giunta regionale delle Marche

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, 7 morti in un giorno nelle Marche, la più giovane aveva 65 anni. In totale sono 906

Coronavirus, crollano i ricoverati e si liberano i reparti di terapia intensiva nelle Marche


"I test sono praticati attualmente - si legge in una nota della Regione - sul personale sanitario delle due Aziende ospedaliere di Torrette e Marche Nord e di Asur. Si tratta di una procedura sperimentale, che può dare risposte relative alle possibilità e alle modalità di applicazione del percorso diagnostico sulla popolazione. La sintesi dei risultati potrà fornire importanti indicazioni operative.

I test sierologici permettono di verificare attraverso un prelievo del sangue, in tempi molto rapidi, la presenza e il tipo di anticorpi nell’organismo, e quindi di stabilire se la persona analizzata è venuta in contatto con il virus. 
Questa modalità diagnostica si affianca agli esami virologici di biologia molecolare (tamponi), che rimangono l’esame elettivo di seconda fase alla quale rivolgersi comunque nel caso di positività riscontrata nell’esame sierologico. L’esame sierologico ha il vantaggio di una notevole velocità dei tempi di risposta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA