Stroncato dal Coronavirus a 60 anni: vittima un collaboratore scolastico

Sabato 27 Febbraio 2021 di Marco Pagliariccio
Graziano Morichetti, stroncato dal Coronavirus

MOGLIANO -  Si terrà questa mattina alle 10 alla chiesa di San Gregorio Magno il funerale di Graziano Morichetti. La sua morte improvvisa, nella giornata di giovedì, ha scosso profondamente tutta la comunità cittadina, che lo aveva conosciuto e apprezzato negli anni come figura cardine all’interno dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII. Non solo un collaboratore, ma un vero e proprio tuttofare, che con i suoi modi di fare gentili e cortesi aveva conquistato bambini e adulti. Se l’è portato via il Coronavirus, a soli 60 anni. 

LEGGI ANCHE;

Arriva la conferma: Marche in zona arancione. Tornano le limitazioni, altri divieti

 


La malattia lo ha colpito senza preavviso e rapidamente le sue condizioni sono andate peggiorando, al punto da venire ricoverato al Covid hospital di Civitanova Marche. Qui ha lottato finché ha potuto, ma non è riuscito a vincere la sua battaglia contro il virus. Lascia la moglie e due bambine piccole, che frequentano proprio le scuole in cui lavorava il papà.

«Una vera tragedia – rimarca il sindaco Cecilia Cesetti, colpita profondamente dalla notizia non solo per la conoscenza diretta di Morichetti ma anche perché appena tornata al lavoro in Comune dopo aver sconfitto il Covid-19 –. La mia gioia per essere tornata in presenza al servizio della comunità si è trasformata in dolore per la perdita di un concittadino ma soprattutto di una persona speciale con cui ho collaborato per tanti anni. Un uomo buono e amorevole. Un abbraccio a tutta la famiglia e le più sentite condoglianze da parte mia e da tutta l’amministrazione comunale».

Anche l’istituto ha voluto lasciare il proprio saluto a una delle sue colonne portanti. «Graziano era un uomo buono, scrupoloso nel suo lavoro, amato e apprezzato dalla dirigenza, dal personale di segreteria, dai suoi colleghi, dai docenti e dagli studenti – scrive in una nota la scuola guidata dal dirigente Natascia Cimini –, lo ricordiamo tutti con immenso affetto. Ci mancherà il suo fare educato e discreto, la sua solerte disponibilità, la sua gentilezza e cortesia. Il caro Graziano lascia in tutti noi che l’abbiamo conosciuto il rimpianto di non averlo salutato e di non avere avuto l’occasione di esprimergli il nostro affetto e la nostra stima. L’istituto comprensivo di Mogliano porge le condoglianze alla sua famiglia e si sente partecipe di un dolore così grande». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA