Vuol rapinare la tabaccheria armata di siringa: 80enne l'afferra per il foulard e la sbatte fuori

Mercoledì 13 Novembre 2019
Civitanova, vuol rapinare la tabaccheria armata di siringa: 80enne l'afferra per il foulard e la sbatte fuori

CIVITANOVA – Entra nella tabaccheria e minaccia la proprietaria e il padre con una siringa. «Dammi 300 euro». Ma l'anziano, un arzillo ottantenne, non si è lasciato intimorire dalla rapinatrice. L'ha spinta, aiutato dalla figlia che gestisce l'attività, ed è riuscito a mandarla via dalla tabaccheria, a mani vuote.

LEGGI ANCHE:
Pretende i soldi ma non ha vinto: lui scatena il caos nella tabaccheria

Montelupone, vetrina spaccata col vaso, ladri incappucciati razziano sigarette e gratta e vinci

La tentata rapina è avvenuta nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17.40. Nel mirino è finita la tabaccheria di via Cecchetti, a due passi dal centro, che è gestita dalla signora Barbara Corazza. «Erano circa le 17.40 – ha raccontato la proprietaria – quando è entrata questa donna. Stava in piedi, come se non sapesse cosa fare. C'era una cliente, in quel momento. Ad un certo punto, ha tirato fuori dalla manica del giubbetto una siringa e ha urlato “dammi 300 euro”. Dietro il bancone c'eravamo io e mio padre, che l'ha afferrata per il foulard e le ha dato uno spintone. Lei lo ha strattonato ma, alla fine, è quasi caduta sopra i giornali davanti al bancone ed è uscita, scappando via di corsa a piedi».

Ultimo aggiornamento: 15:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA