La Finanza stana altri furbetti del Cas, 89 persone denunciate. Irregolarità anche nelle "casette"

Martedì 10 Novembre 2020
La Finanza stana altri furbetti del Cas, 89 persone denunciate. Irregolarità anche nelle "casette"

MACERATA - La Tenenza della Guardia di Finanza di Camerino ha avviato, a seguito degli eventi sismici del 2016, controlli sulla corretta percezione dei contributi stanziati a favore delle persone colpite dal terremoto. Le indagini, coordinate dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Macerata, Giovanni Giorgio, che ha delegato in via esclusiva la Tenenza di Camerino ad investigare su tutto il territorio provinciale, hanno consentito di individuare una platea di soggetti che, seppur formalmente residenti nei comuni del “cratere sismico”, in realtà vivevano stabilmente altrove, non rispettando quindi il requisito della dimora principale, abituale e continuativa in uno dei predetti comuni. 

Nel corso dell’operazione, denominata “Anubi II”, sono state finora deferite alla competente autorità giudiziaria ulteriori 89 soggetti.

Parallelamente, è in corso di esecuzione, sostanzialmente con le medesime modalità d’intervento, l’operazione “Domus Vacue” finalizzata all'individuazione di eventuali abusi o irregolarità nell'utilizzo delle Soluzioni Abitative in Emergenza.

Gli accertamenti sin qui svolti hanno consentito di deferire 42 soggetti alla competente Procura Regionale della Corte dei Conti nonché di segnalarli alle competenti Autorità Locali e Regionale, per un totale di indebite percezioni e danno erariale di circa due milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA