Nasce un comitato contro l'installazione delle antenne 5G delle compagnie telefoniche

Nasce un comitato contro l'installazione delle antenne 5G delle compagnie telefoniche
Nasce un comitato contro l'installazione delle antenne 5G delle compagnie telefoniche
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Maggio 2021, 07:25

TORRE SAN PATRIZIO - Continua la battaglia sul 5g del comitato torrese costituito il 14 maggio. Chi vi aderisce, non contesta la nuova tecnologia di rete mobile che soppianterà il 4 ma critica l’amministrazione per la poca trasparenza, per l’arrendevolezza ai diktat delle compagnie telefoniche, per non avere un piano antenne che si poteva produrre con 20mila euro, per metà finanziati dalla Regione. Il piano avrebbe evitato l’installazione selvaggia regolamentando gli impianti sul territorio.

LEGGI ANCHE:

Super vincita al Superenalotto, cosa puoi fare o comprare con 156 milioni di euro


Il Comune si difende e in un post su Facebook scrive che, grazie alla concertazione con una compagnia di telefonica, in contrada San Cassiano sorgerà un’antenna 4 di 27 metri anziché 5 di 30 metri, come la compagnia avrebbe voluto. Ma non sono tre metri di altezza in meno a fare la differenza, tantomeno un 4 che diventerà un 5 per forza di cose. Per il comitato è «una presa per i fondelli». Se ne discute dal 14 maggio, data della prima protesta. Sul gruppo Facebook Torre Informazione libera, Armando Craia, perito informatico, rimprovera sindaco e giunta per il silenzio di un anno: «Ad aprile si è cominciato a sentire in giro dell’antenna, fino a quel momento il Comune ha mantenuto la segretezza» dice in un video.Il 10 maggio sono iniziati i lavori e sarebbe bastato un piano antenne per frenarli» aggiunge.


Stupisce che di 5 non si sia mai più parlato nel piccolo centro dopo che, nell’aprile 2020, il consiglio votò all’unanimità la moratoria sulla sperimentazione. Luca Leoni, il primo cittadino, era preoccupato per la salute dei cittadini e ricevuta la richiesta di installare su un lotto privato si oppose ma perse il ricorso al Tar. Su Facebook l’amministrazione ricostruisce la vicenda dall’inizio scrive che la decisione del Tar Marche «è in linea con quelle dei tribunali di tutta Italia giacché la legge toglie ai comuni discrezionalità di scelta nell’autorizzazione di impianti». Si poteva percorrere due strade: negare l’assenso e perdere ancora davanti al Tar o negoziare con la compagnia. Questa seconda strada è stata percorsa e l’antenna è stata ridotta di 3 metri, la velocità di trasmissione dei dati è 100 volte inferiore. Il piano antenne, per il Comune, «è un mero atto d’indirizzo e concertazione con i gestori».


Ma proprio qui sta il punto. Craia, coadiuvato da Giuseppe Teodoro (consulente delle amministrazioni per la gestione territoriale di queste infrastrutture) smonta le tesi dell’amministrazione e gli domanda: «perché per un anno ha tenuto il segreto? E perché, quando si cominciava a parlare di antenne, ha dato l’ok? Che fretta c’era?»

© RIPRODUZIONE RISERVATA