La Croce Azzurra compie 25 anni ma ha bisogno di nuovi volontari

La Croce Azzurra compie 25 anni ma ha bisogno di nuovi volontari
La Croce Azzurra compie 25 anni ma ha bisogno di nuovi volontari
di Serena Murri
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 04:40

PORTO SAN GIORGIO  - La Croce Azzurra ha festeggiato in piazza i 25 anni dalla fondazione. Palloncini bianchi e blu, giochi e intrattenimento In piazza Matteotti e su viale Buozzi erano schierati, oltre a quelli della Croce Azzurra, i mezzi delle consorelle: Croce Verde di Porto Sant’Elpidio, Croce Verde Valdaso, Torre San Patrizio, Croce Verde Macerata, Misericordia Montegiorgio, Croce Verde di Fermo, Croce Azzurra Cossignano, Monte San Pietrangeli.


Un pomeriggio di festa, all’insegna della sensibilizzazione sull’operato della pubblica assistenza ma anche di divertimento rivolto ai più piccoli con i giochi dell’associazione Il Grillo parlante e l’intrattenimento con la musica dei Pupazzi. Il presidente, Gilberto Belleggia, si è detto soddisfatto dell’iniziativa che vorrebbe ripetere nei prossimi anni: «Voglio ringraziare le consorelle che sono presenti oggi e voglio ricordare tutti i soci fondatori, compresi quelli purtroppo scomparsi. Quella di oggi è una festa rivolta ai cittadini, per dimostrare quello che facciamo. Abbiamo molte carenze per mancanza di volontari nel sistema delle pubbliche assistenze che speriamo di colmare per dare maggiore sostegno e impegno quotidiano da mettere a servizio della cittadinanza».

L’associazione, ad oggi, ha in dotazione 40 mezzi e ieri erano presenti 60 militi. Si è svolta anche la dimostrazione di rianimazione con BLS (Basic Life Support), la manovra di disostruzione delle vie aeree dei bambini ed il progetto Piccoli soccorritori -dedicato a Massimiliano- che insegna ai bambini a chiamare il 112 in caso di emergenza.

All’inaugurazione della nuova ambulanza sono intervenuti i rappresentanti delle Forze dell’ordine e le autorità. Il sindaco Nicola Loira ha visto crescere l’associazione: «Questa ricorrenza è qualcosa di più, con voi gli anni passati sono frutto dell’impegno dei volontari e dei dipendenti che animano questa realtà. Una pubblica assistenza non può sopravvivere, comporta impegno e una gestione professionale altamente organizzata. Belleggia ha rilanciato l’attività della Croce Azzurra e il territorio fermano, facendola diventare punto di riferimento anche per l’azienda sanitaria. Quella di oggi è una festa più delle altre. Questa è una pubblica assistenza che ha saputo essere vicina alle persone. Abbiamo grandi progettualità per colmare il sistema sanitario con la Azzurra Servizi che spero possa trovare le risposte attese dalla popolazione».


Il prefetto, Vincenza Filippi è così intervenuta alla ricorrenza: «In questi tre anni, ho constatato l’azione svolta sia su Porto San Giorgio che sul Fermano in un momento di grande emergenza sanitaria. Avete fatto la differenza. Siete l’emblema di come un paese possa rialzarsi dalle difficoltà». Era presente anche il consigliere regionale, Marco Marinangeli: «Questi 25 anni dimostrano quanta strada è stata fatta. Porto San Giorgio deve riconoscere questa struttura non solo quando ne ha bisogno ma devono essere tutti consci del lavoro che questi ragazzi svolgono e del tempo che offrono alla collettività. Anticipo che a livello regionale, stiamo lavorando per delegare dei servizi alla Azzurra Servizi ed ai cittadini sangiorgesi». Prima dell’accensione della sirena, Don Mario Lusek ha benedetto l’ambulanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA