Controlli nei bar, due clienti aggrediscono i carabinieri e finiscono al serata in manette

Martedì 6 Ottobre 2020 di Pierpaolo Pierleoni
Controlli nei bar, due clienti aggrediscono i carabinieri e finiscono al serata in manette

MONTEGIORGIO - Si rivoltano ai controlli dell’Arma, procurando anche lesioni ai militari: due i marocchini finiti in manette nel weekend, entrambi accusati di aver opposto resistenza ed usato condotte violente verso i carabinieri. Questo il risultato di una corposa serie di controlli da parte della compagnia di Montegiorgio, comandata da Massimo Canale.
 
La strategia
Le pattuglie hanno intensificato la loro attività nell’entroterra, da un lato per proseguire nella prevenzione dei reati e nella tutela della sicurezza pubblica, dall’altro per far rispettare le normative volte a contenere l’epidemia di Covid 19. Diversi anche gli automobilisti fermati per monitorare la circolazione stradale e gli esercizi pubblici visitati. Un lavoro difficile, quello dei militari, sabato pomeriggio a Monte San Pietrangeli. Un trentenne marocchino, residente in un paese vicino, si è mostrato subito insofferente quando le divise sono arrivate per un controllo in un bar. Ha iniziato ad apostrofare i carabinieri con epiteti ingiuriosi, fin quando le parole non gli sono bastate e si è scagliato contro di loro, causando leggere lesioni. E’ stato così arrestato per oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personale. Un caso fotocopia si è ripetuto la notte successiva a Montegiorgio. Stavolta, ad intervenire, erano gli uomini delle stazioni di Falerone e Santa Vittoria in Matenano. Un marocchino, trentenne anche lui, stava importunando il titolare di un bar ed i clienti, in stato di evidente agitazioni. L’arrivo delle pattuglie non è bastato a placarlo, tanto che le ha aggredite, apostrofando i militari in malo modo, prima di colpirne due con calci e pugni. Anche il secondo magrebino è finito in manette e le accuse sono sempre quelle di oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Ieri mattina, invece, i carabinieri del Norm di Montegiorgio, hanno fermato a Torre San Patrizio un uomo dell’anconetano mentre viaggiava a bordo della sua auto. E’ risultato in stato di alterazione alcolica ed era inoltre in possesso di una modesta quantità di cocaina. Inevitabile il ritiro di patente e la denuncia per guida in stato di ebrezza e detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.
L’impegno
La compagnia di Montegiorgio promette di mantenere massimo l’impegno di controllo del territorio, anche grazie alle tempestive segnalazioni dei cittadini che permettono di bloccare sul nascere diverse forme di illegalità. L’attenzione resta alta anche sul fronte della lotta al Covid, per evitare assembramenti e garantire l’uso delle mascherine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA