Guerriglia urbana in centro: gruppi di stranieri si affrontano a colpi di bottiglie rotte e mannaie

Porto sant'Elpidio, guerriglia urbana in centro: gruppi di stranieri si affrontano a colpi di bottiglie rotte e mannaie
Porto sant'Elpidio, guerriglia urbana in centro: gruppi di stranieri si affrontano a colpi di bottiglie rotte e mannaie
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Ottobre 2020, 10:11

PORTO SANT’ELPIDIO - Scenari da guerriglia urbana in centro a Porto Sant’Elpidio tra il lungomare, la piazza e la statale sabato sera. Risse tra marocchini che si tirano addosso vetri di bottiglia, una bicicletta caricata in spalla e utilizzata come arma.

LEGGI ANCHE:
La festa in campagna degenera, giovane finisce accoltellato: 21enne all'ospedale con due tagli alla schiena

Notte animata: preso a pugni al porto, ferito un ragazzo. Coppia litiga, lei finisce all'ospedale


Un nordafricano rincorre un connazionale con la mannaia in mano alle dieci di sera e piazza Garibaldi in pochi minuti si svuota.
 

In un quarto d’ora c’è il coprifuoco mentre arrivano i carabinieri che si erano allontanati poco prima e per tutto il giorno avevano fatto avanti e indietro con i controlli. Renzo Marcotulli ha la licenza per attrazioni viaggianti ed era al lavoro con i suoi gonfiabili, ha smontato tutto perché in poco tempo era finito passeggio e clienti. L’imprenditore ha assistito alla faida tra marocchini, ha visto uno dei due scagliare a terra la mannaia con una violenza tale da produrre scintille sul pavimento. «Uno stringeva la mannaia con tutte e due le mani e rincorreva l’altro, sono sbucati dal sottopasso di viale della Vittoria e sono arrivati alla statale, fino a via San Giovanni Bosco» dice Marcotulli. I carabinieri si sono lanciati all’inseguimento dei nordafricani, li hanno fermati e identificati ma un’ora dopo è riesplosa la rissa e stavolta sono volate bottiglie di vetro. «Ho visto uno prendere una bicicletta e tirarla addosso all’altro con forza, scene allucinanti - dice Marcotulli -. Le forze dell’ordine stanno facendo un lavoro egregio e rischiano pure loro di prendersi le coltellate con questi individui in circolazione». Il segretario provinciale di Fratelli d’Italia e consigliere Andrea Balestrieri parla dei rimpatri: «Devono funzionare - avverte - e bisogna applicare le espulsioni in questi casi, anche il Daspo urbano. In piazza fino alle 18 ci sono famiglie, ragazzi, pensionati, dopocena spariscono tutti perché nessuno vuol rischiare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA