Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fermo, rapina con lo spray, sale la tensione tra pakistani e africani: rischio giustizia fai da te

Fermo, rapina con lo spray, sale la tensione tra pakistani e africani: rischio giustizia fai da te
Fermo, rapina con lo spray, sale la tensione tra pakistani e africani: rischio giustizia fai da te
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Gennaio 2020, 10:16

FERMO - Rischio giustizia fai da te a Lido Tre Archi, i pakistani hanno dichiarato guerra ai tunisini e ai marocchini. E’ lo strascico della rapina al negozio di generi alimentari del pakistano di cui abbiamo riferito ieri. Tre nordafricani erano entrati in negozio e uno dei tre aveva spruzzato uno spray urticante sugli occhi del negoziante che si era ribellato. L’uomo è finito all’ospedale e i connazionali non intendono fargliela passare liscia ai tre, che sono stati riconosciuti e identificati.

LEGGI ANCHE:
Auto aperte come scatolette, con piede di porco e filo metallico

A San Biagio torna a bussare la paura. Ladri irrompono in una villetta, vanno in fuga con i gioielli


L’ennesimo fatto di cronaca si era verificato in via Aldo Moro, denominata la via dei bar per i locali etnici incolonnati uno dietro l’altro. Dei tre che hanno fatto irruzione in negozio ancora non c’è traccia, avevano minacciato l’uomo dietro al bancone. Si viene a sapere che uno dei tre, poiché il pakistano stava armeggiando con il cellulare, aveva creduto che stesse registrando la conversazione e per questo gli avrebbe spruzzato in faccia lo spray al peperoncino, l’altro si è difeso e ne è nata una zuffa, finché qualcuno ha segnalato al 113 e in pochi minuti sono arrivate la volante della questura, la gazzella dei carabinieri e l’ambulanza. Sono state lampo le operazioni di soccorso ma i nordafricani sono riusciti a dileguarsi correndo a piedi verso la spiaggia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA