Sicurezza in spiaggia e lotta all'abusivismo: ecco cosa farà San Benedetto con i fondi del Viminale

Sicurezza in spiaggia e lotta all'abusivismo: ecco cosa farà San Benedetto con i fondi del Viminale
Sicurezza in spiaggia e lotta all'abusivismo: ecco cosa farà San Benedetto con i fondi del Viminale
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Agosto 2022, 01:45

SAN BENEDETTO - Un tesoretto di 35mila euro da spendere per la sicurezza in spiaggia. Sono risorse stanziate dal Viminale a valere sul Fondo sicurezza urbana e sul Fondo unico giustizia sotto la voce “Spiagge sicure” e mette a disposizione immediatamente 5,5 milioni di euro per 239 Comuni italiani interessati da intensi flussi turistici estivi. Tra questi c’è anche San Benedetto.


Le intenzioni


Il budegt messo a disposizione dallo Stato arriva in un momento in cui, come è noto, una delibera che intendeva stanziare più o meno al stessa cifra (30mila euro, ndr) è stata motivo di scontro all’interno della maggioranza soprattutto per l’aspetto relativo all’assunzione di bodyguard che potrebbero essere impiegati principaalmente per contrastare il commercio abusivo. Tradotto contro i vu cumprà che affollano l’arenile con le merci spase quasi fosse un mercato all’aperto. Così, per evitare problemi, il sindaco Antonio Spazzafumo pare aggirare il problema. Innanzitutto è proprio il primo cittadino ad essere il titolare della delega sulla sicurezza «devo cominciare a delegare» spiega dopo aver incontrato fino a atrdi i Comitati di quartiere. Comunque la responsabilità dell’impiego della somma sarà la sua e sembra avere le idee ben chiare. «Questi soldi serviranno per contribuire all’assunzione dei vigili urbani a tempo determinato che abbiamo deciso di prendere quest’anno e poi, come già era nel progetto anche per dotarli di attrezzature adeguate». È dei giorni scorsi infatti, la presentazione delle nuove bici elettriche che, insieme a quelle classiche, consentiranno alla polizia municipale di essere sempre maggiormente presente sulla strade sia come fatto di deterrenza sia per reprimere eventuali reati o elevare le multe. Sono diversi infatti, gli agenti che questa estate sono entrati in servizio, ragazzi per lo più giovani che, ovviamente, se trovano lavoro a tempo determinato preferiscono la sistemazione più stabile ma nel corso degli anni il corpo si è sempre più assottigliato e quindi ha bisogno di rinforzi


Gli obiettivi


«Siamo ovviamente molto contenti - chiude quindi il sindaco - che ci sia stato riconosciuto questo finanziamento perché la sicurezza e il contrasto all’abusivismo è tra i nostri obiettivi». Ma non è la prima volta che San Benedtto viene premiata. Già durante il primo anno dell’amministrazione Piunti arrivarono fondi che però l’anno succssivo non furono rinnovati per una sorta di rotazione tra le città si disse allora. Questa volta invece si sa anche da dove arrivano le cifre stanziate per la sicurezza (anche in altri campi) dal Viminale: «Questo impegno finanziario - si legge nel sito ufficiale - è stato reso possibile anche ricorrendo alle risorse del Fondo unico giustizia provenienti da confische e sequestri nei confronti di organizzazioni criminali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA